Eventi

Cellino: domenica l’arrivo della lampada votiva di San Marco Evangelista

Sarà accolta nella parrocchia San Marco e Caterina, nell’ambito della “Peregrinatio” fra la “Città Marciane”

CELLINO SAN MARCO - La rete delle “Città Marciane”, costituitasi lo scorso anno, che vede come Comune capofila la città di Castellabate e a cui hanno aderito i Comuni di Torricella (Ta), Cellino San Marco (Br), San Marco Evangelista (Ce), San Marco Argentano (Cs), San Marco d'Alunzio(Me), San Marco dei Cavoti (Bn), San Marco la Catola (Fg), Manocalzati (Av), Pacentro (Aq), ha come finalità la promozione e la valorizzazione del marketing territoriale dei territori accomunati dal culto di S.Marco Evangelista.

Tra le iniziative in programma, ha organizzato la Peregrinatio della lampada votiva di San Marco tra le dieci Città Marciane, benedetta lo scorso 25 ottobre in occasione del centenario della erezione canonica della Parrocchia di San Marco di Castellabate. Dopo aver fatto tappa lo scorso 1 novembre a Torricella, sarà accolta domenica 29 novembre alle ore 18,00 nella comunità di Cellino San Marc, presso la parrocchia San Marco e Caterina, dal parroco don Luca D'Agnano e dal sindaco, Salvatore De Luca.

La celebrazione eucaristica sarà presieduta da don Antonio Quaranta, assistente ecclesiastico della Rete Marciana e parroco di Torricella, alla presenza del Sindaco di Torricella, Michele Schifone, del segretario della Rete, Giuseppe Semeraro, di Nunzia Di Giacomo, responsabile delle attività di promozione e organizzazione della rete. Media partner degli eventi della Rete: Studio 100 TV.

La lampada votiva che sarà intronizzata innanzi all'altare di San Marco, resterà a Cellino per un mese, per poi continuare la sua Peregrinatio in altre Comunità Marciane. Essa è un simbolo che vuole esprimere la devozione e il rinnovo del patrocinio verso San Marco da parte del popolo che si affida alla sua protezione.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cellino: domenica l’arrivo della lampada votiva di San Marco Evangelista

BrindisiReport è in caricamento