Cgil: "Brindisi città pilota per la produzione di energia da idrogeno verde"

Nota del segretario generale, Antonio Macchia, sulla possibilità di creare anche a Brindisi un nuovo polo di ricerca e produzione da fonti rinnovabili

BRINDISI - Riceviamo e pubblichiamo una nota del segretario generale della Cgil Brindisi, Antonio Macchia, sulla possibilità di creare anche a Brindisi un nuovo polo di ricerca e produzione da fonti rinnovabili.

"La decarbonizzazione è una realtà dalla quale non si può tornare indietro e, per questo motivo, serve una “road map” che porti al migliore degli esiti possibili, in termini di occupazione, sostenibilità e ritorno economico per il territorio. L'obiettivo è ambizioso e per nulla semplice da centrare ma i livelli politico-istituzionali locali hanno il diritto e il dovere di chiedere a una sola voce impegni vincolanti anche a Enel e al governo affinché la transizione rappresenti una svolta concreta e irreversibile per Brindisi, polo industriale tra i più complessi e articolati d'Europa, visti gli importantissimi insediamenti produttivi ospitati tra città e provincia, ma bisognoso di un improcrastinabile rinnovamento che necessariamente deve puntare ai tre obiettivi sopra citata: occupazione, sostenibilità e ritorno economico.

La Cgil è da sempre attenta ai profondi mutamenti globali che investono il pianeta e, per questo, non sono passati inosservati i grandi progetti che vedono in prima fila Enel, tanto in giro per l'Italia, quanto dall'altro capo del mondo. A Civitavecchia, ad esempio, il progetto per la produzione di energia da idrogeno verde vede il Comune laziale capofila: un percorso concreto, che passa da un confronto pubblico e dal coinvolgimento dei comuni del comprensorio. Percorrendo questa strada, si potrebbe creare un nuovo polo di ricerca e produzione da fonti rinnovabili, in particolare idrogeno verde, appunto, indicando anche l’impatto a livello ambientale e occupazionale. La produzione da idrogeno verde avrebbe un effetto importante per una transizione davvero epocale, definitiva e sostenibile. Tale obiettivo è in linea non solo con gli impegni sulla decarbonizzazione, ma anche con lo sviluppo di settori di ricerca e la realizzazione di elettrolizzatori e accumulatori, con evidenti vantaggi a livello economico e occupazionale. Tra l'altro, guardando oltre lo steccato di casa nostra, Enel pare essere molto consapevole dei benefici che una transizione di questo tipo può portare: la società italiana a partecipazione statale, infatti, si è aggiudicata un progetto pilota in Cile che sarà operativo nel 2022. Si tratta di un impianto che produrrà idrogeno rinnovabile attraverso un elettrolizzatore alimentato da energia eolica. A realizzarlo sarà Enel Green Power con Enap, Siemens Energy e Porsche. Perché in Cile sì e a Brindisi no?

Pertanto, il tema trattato parte dal presupposto che Enel debba presentare ulteriori piani di investimento per il futuro della Centrale Enel di Cerano che vadano a integrare i progetti già presentati, nella consapevolezza generale della funzione essenziale che quell’impianto ha occupato ed occupa nel complesso equilibrio del sistema energetico dell’intero paese, tanto da farlo risultare nel tempo il principale esportatore di energia. Dunque, è necessario che Brindisi sia all’interno del processo di decarbonizzazione avviato dall’Unione Europea ma riteniamo pure che uno sviluppo coerente dell’impiego dell’idrogeno debba realizzarsi anche a Brindisi attuando gli indirizzi del piano nazionale integrato energia clima (Pniec). Uno degli strumenti per la produzione di idrogeno dal metano è quello mediante processi di reforming associati alla separazione della Co2 (gas stream reforming) che viene in seguito confinata nel sottosuolo con tecnologie di cattura e sequestro (carbon capture and storage), tale strumento può diventare competitivo nel medio periodo aprendone così una più larga possibilità di impiego. Tra l’altro Enel inaugurò, ormai 10 anni fa, il primo impianto pilota di cattura della Co2 in Italia proprio a Brindisi all’interno della Federico II, salvo poi accantonare il progetto. Lo sviluppo delle tecnologie di cattura e stoccaggio della Co2 sembrano invece prioritarie per diverse compagnie italiane del settore, in particolare per l’Eni, che ha avviato le procedure per realizzare nell’Adriatico a Ravenna un grande centro di cattura-stoccaggio.

In questo modo, si potrebbe raggiungere non solo l’obiettivo di ricercare soluzioni efficaci ai problemi di eccessivo costo dell’energia che pesa negativamente sul sistema industriale e dei servizi del nostro territorio, ma anche per rispondere ai riflessi socio – economici prodotti dal cambiamento di paradigma energetico sui lavoratori e sul territorio. Inoltre, nell’ottica di costruire uno sviluppo armonico che veda ricompresa l’economia del porto nei nuovi processi produttivi ed energetici, riteniamo importante che la nuova società Enel Logistics, costituita lo scorso luglio per valorizzare le aree portuali di propria pertinenza e attrarre nuove opportunità di sviluppo, sia interessata a Brindisi anche grazie alle opportunità offerte dalla partenza della Zes Interregionale Adriatica Puglia-Molise, attivata ufficialmente lo scorso 16 settembre. Così come la zona franca portuale e retroportuale diventi essenziale per intercettare imprese che vogliano investire a Brindisi. Anche questo importantissimo passaggio per il territorio rappresenterà una forte leva attrattiva per gli investitori interni ed esterni: l'Enel, in relazione a quanto detto, dovrebbe approfittare di questa condizione che costituisce un vantaggio competitivo più unico che raro.

Serve una strategia immediata e condivisa che incardini i progetti in una nuova cornice disegnata per lo sviluppo sostenibile ed il territorio deve modificare il proprio modello di sviluppo per stare dentro quei cambiamenti green previsti dal nuovo sistema europeo a condizione che la transizione energetica venga percepita da tutti come un beneficio e non come un cambiamento che avvantaggia alcuni e danneggia altri. Non c’è più tempo da perdere: il Recovery Fund deve prevedere la coesione territoriale. E coesione territoriale vuol significare far crescere il Mezzogiorno ed alcune aree in particolar modo del Sud finora sacrificato, tra cui Brindisi, rispetto al nord del Paese. Non sarà più possibile lasciare indebolire il nostro tessuto sociale ed economico nello spopolamento e nella fuga dei giovani solo per mancanza di adeguati investimenti economici e produttivi."

Antonio Macchia, segretario generale

                                                                                                        

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente sulla Brindisi-Bari, muore un motociclista brindisino

  • "Da venerdì scuole chiuse in Puglia": Emiliano firma l'ordinanza

  • Scontro alla zona industriale, giovane motociclista perde la vita

  • Virus: schizzano i contagi, chiuse altre scuole nel Brindisino

  • Trovata morta nell'auto in cui viveva: dramma della solitudine al cimitero

  • Coronavirus, continuano ad aumentare i nuovi positivi e i ricoveri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento