menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Masseria Villanova devastata dai vandali: "Servono altri 150mila euro"

Legambiente denuncia lo stato di degrado in cui versa la struttura e rilancia la proposta di istituire l'Ente parco Brindisi

Riceviamo e pubblichiamo un comunicato a firma di Lorenza Mastrolilli, del direttivo del circolo "Tonino Di Giulio" di Legambiente Brindisi, sul parco regionale "Saline e Stagni di Punta della Contessa". 

In occasione della giornata dedicata al tema in oggetto (2 febbraio), Legambiente Brindisi ripropone le ragioni a sostegno della proposta di Ente Parco Brindisi natura e lo fa richiamando l'attenzione, in particolare, sul Parco regionale “Saline e Stagni di Punta della Contessa”.
Il Parco è la più importante zona umida del Comune di Brindisi con Torre Guaceto e tanto più è importante perché la natura ha dimostrato la sua capacità di idfesa e di rigenerazione rispetto all'inquinamento prodotto dalla centrale termoelettrica Brindisi sud, dal polo chimico e dal persistente “bubbone” di Micorosa.

devastazioni masseraiVillanova saline9-2

Il reportage di BrindisiReport

Legambiente, sin dalla sua nascita a Brindisi nel 1982, ha combattuto l'inquinamento e la spoliazione dell'ambiente nel Parco, ha realizzato ripetute iniziative di sensibilizzazione e di educazione ambientale, ha realizzato campi di volontariato ed attività di avvistamento incendi ed ha ricostruito un rapporto virtuoso con chi nella zona continua ad abitare ed a credere nel futuro dell'agricoltura compatibile nel Parco, malgrado le aggressioni continue industriali, antropiche e di quelle lepri, per niente autotoctone che tanto danno hanno arrecato alle colture.

devastazioni masseraiVillanova saline2-2

Legambiente ha più volte denunciato la presenza di bracconieri e di vandali che sono riusciti a devastare la masseria Villanova destinata a diventare centro visite del Parco, ma, in assenza di vigilanza e delle attività previste nel progetto e nell'ingente finanziamento regionale, è oggi ridotta in uno stato tale da richiedere ulteriori 150.000 euro di finanziamento comunale. Ripetute sono state in questi giorni le segnalazioni della presenza di cacciatori a ridosso degli stagni e delle saline popolate da uccelli, anche aironi, che nidificano e non sono più soltanto di passo.

devastazioni masseraiVillanova saline7-2

La valenza ambientale di ecosistemi e biotopi all'interno dei Parchi esistenti nel territorio di Brindisi, il degrado ed i danni legati ad atti vandalici, i costi connessi ad interventi e progetti al di fuori di qualsiasi pianificazione o tesi a rimediare ai danni prodotti sono sotto gli occhi di tutti e richiedono una politica organica che Legambiente continua a credere possa derivare dalla scelta di un soggetto unico che razionalizzerebbe ed economizzerebbe la gestione complessiva. Le esperienze mostrate in un convegno di “Roma natura” e del Parco delle Dune costiere rafforzano la riproposizione della costituzione dell'ente Parco Brindisi natura che si rivolge alle istituzioni, alle forze politiche ed all'opinione pubblica. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento