Martedì, 16 Luglio 2024

Campo da basket restituito ai giovani del Paradiso: Piazza Pertini in festa

L'attività è stata intrapresa dal Cag di Brindisi, che recentemente ha piantato due alberi dedicati ad altrettanti ex residenti del posto: Nicholas Di Mola e Natalino Urso

BRINDISI - Sono passati 31 anni dalla strage di Via D'Amelio a Palermo in cui persero la vita sei persone, il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della sua scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta della Polizia di Stato, ma anche a cadere in servizio), Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina.

Quell'attentato terroristico ha segnato per sempre la recente storia italiana, rappresentando un momento buio da cui risorgere assolutamente.  

Proprio con l'intento di ribadire il senso di legalità all'interno delle comunità locali, la data di ieri (19 luglio), è stata scelta simbolicamente per celebrare alcune iniziative intraprese recentemente dal Cag (Centro di aggregazione giovanile), servizio sociale del Comune di Brindisi gestito dalle cooperative Amani e Solerin.

Su tutte, la restituzione al quartiere Paradiso di un campo da basket che fino a poco tempo fa era impraticabile, privo di reti sui canestri e di linee sul pavimento. I nuovi lavori permetteranno ai giovani del posto di giocare, divertirsi e crescere praticando sport in modo disciplinato. 

Nelle precedenti settimane - sempre in piazza Pertini, dove si trova il campo - i referenti del Centro hanno anche piantato due alberi in memoria di altrettante persone, ex residenti della piazza e che sono venute a mancare prematuramente: si tratta di Nicholas Di Mola, giovane deceduto in seguito ad un incidente in moto, e Natalino Urso, un punto di riferimento per tutti gli ex residenti di Parco Bove.

Si parla di

Video popolari

BrindisiReport è in caricamento