rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Sport

Bolide fuori strada: panico sul tracciato della cronoscalata

FASANO - Bolide fuori strada. Panico sul tracciato. Un pauroso incidente ha segnato la 53esima edizione della cronoscalata Fasano-Selva, caratterizzata dalla presenza record di concorrenti (274) ma anche da una lunga scia di "fuoripista". L'incidente più grave è avvenuto quando mancavano solo 4 vetture al traguardo per la conclusione della prima manche. Uno spettatore, Francesco Giovaniello, barese di 58 anni, è stato colpito alla testa da un palo dell’illuminazione, diveltosi a seguito dello schianto di una delle vetture partecipanti alla gara.

FASANO - Bolide fuori strada. Panico sul tracciato. Un pauroso incidente ha segnato la 53esima edizione della cronoscalata Fasano-Selva, caratterizzata dalla presenza record di concorrenti (274) ma anche da una lunga scia di "fuoripista". L'incidente più grave è avvenuto quando mancavano solo 4 vetture al traguardo per la conclusione della prima manche. Uno spettatore, Francesco Giovaniello, barese di 58 anni, è stato colpito alla testa da un palo dell'illuminazione, diveltosi a seguito dello schianto di una delle vetture partecipanti alla gara.

Subito soccorso dal personale del Servizio 118, l'uomo è stato trasportato a bordo di una ambulanza presso l'ospedale Perrino, a Brindisi. I medici gli hanno riscontrato un grave trauma cranico, con prognosi di 30 giorni.
La vettura contrassegnata dal n° 5, la Lola Zytek guidata da Lorenzo Mossucca era già in vista dell'arrivo quando è accaduto l'incidente. Un testa coda lungo viale Toledo, con il bolide schizzato contro il muretto a secco.

L'impatto è stato violentissimo, tale da compromettere, oltre alla stabilità del muretto, anche quella di un lampione, piegatosi su se stesso tanto da ferire in pieno volto lo sfortunato spettatore barese. Francesco Giovaniello era in compagnia della moglie, colta da shock e soccorsa anche lei dal personale del 118. La gara, interrotta per alcuni chilometri, è poi ripresa regolarmente. La corsa, dunque. Michele Camarlinghi, su Osella Pa 30, ha vinto l'edizione numero 53 della cronoscalata, valevole per il Campionato italiano velocità montagna. Al termine dell'unica manche si è imposto su Carmelo Scaramozzino (Lola Zytek) e Franco Cinelli (Lola Zytek).

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bolide fuori strada: panico sul tracciato della cronoscalata

BrindisiReport è in caricamento