menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Flavia Pennetta insieme al suo fisioterapista

Flavia Pennetta insieme al suo fisioterapista

Il polso obbliga Flavia al ritiro a Hobart

BRINDISI - Un polso in condizioni non perfette, oggi non le ha consentito di scendere in campo. Flavia Pennetta ha dato forfait e si è ritirata dal torneo di Hobart (cemento, 250.000 dollari) dove era già iscritta. Secondo il main draw iniziale avrebbe dovuto incontrare nel primo turno Venus Williams

BRINDISI - Un polso in condizioni non perfette, oggi non le ha consentito di scendere in campo. Flavia Pennetta ha dato forfait e si è ritirata dal torneo di Hobart (cemento, 250.000 dollari) dove era già iscritta. Secondo il main draw (tabellone principale del torneo, ndr) iniziale avrebbe dovuto incontrare nel primo turno Venus Williams, ma già nella giornata di ieri, era stato reso noto un cambiamento di programma per il ritiro dalla competizione anche della tennista statunitense.

Stando a questo, infatti, Flavia si sarebbe dovuta scontrare con la spagnola Garbine Muguruza, classe 1993, numero 63 del ranking Wta. Nonostante tutto questo, nulla di ciò che era scritto sul tabellone è avvenuto. A prevalere e a decidere il da farsi è stato l'infortunio al polso destro della tennista brindisina, costretta nei giorni scorsi ad abbandonare l'Hopman Cup, a Perth (sempre in Australia) a causa di improvvisi dolori.

Insomma, bisogna aspettare ancora un po' prima di riprendere la racchetta in mano. Meglio guarire completamente anziché compromettere salute e lavoro. E'di questa opinione la Pennetta che nella notte, con un post su Twitter, ha comunicato ai fan la sua decisione.

"Ciao ragazzi - scrive -, volevo dirvi che il dolore al polso migliora, ma non sono ancora al 100%. Ho deciso di non entrare in campo oggi a Hobart? Non vorrei compromettere gli Australian Open. Vi faccio sapere nei prossimi giorni come procede il tutto. Non si molla".

I dolori non l'abbattono e nel frattempo sono in tantissimi a sostenerla. Le parole di incoraggiamento arrivano per lei anche da Brindisi, la sua città, e dal suo primo maestro, Alberto Ciampa che in un'intervista a BrindisiReport.it le dice di andare avanti, sempre a testa alta.

Ancora dolori al polso: Flavia è stata costretta a dare forfait al torneo di Hobart. Come commenta questa situazione?

E' un vero peccato perché aveva dimostrato di essere veramente in gran forma. Ci auguriamo tutti che la situazioni rientri e che questo infortunio non sia così preoccupante.

In base a quella che è la sua esperienza di allenatore, se dopo qualche mese un infortunio di questo genere si ripresenta, cosa succede? Sostanzialmente, le difficoltà riemerse possono far pensare ad un possibile ritiro dai campi da tennis?

No, lo escludo. Questa caduta non ci voleva proprio e certamente non sarà semplice rialzarsi, ma conoscendo Flavia sia come persona, sia come atleta, penso che prima di gettare la spugna passerà veramente molto tempo?

Flavia ha dichiarato che il suo polso non è al cento per cento Per questo preferisce lasciar perdere Hobart per scendere in campo in occasione degli Australian Open, il primo torneo del Grande Slam dell'anno, una competizione decisamente più prestigiosa. Lei che la conosce bene e che è stato il suo primo allenatore, come giudica questa sua scelta?

Quando subisci un infortunio del genere, sei impossibilitato. E' meglio saltare questi tornei di preparazione, anziché il primo torneo dello Slam. Come ho detto prima, noi continuiamo a fare il tifo per Flavia affinché si rimetta presto. Una tennista che dà lustro alla nostra città e al nostro circolo, merita sostegno e affetto in un momento difficile della sua carriera.

Insomma, oggi, da allenatore qual è il consiglio che si sente di darle?

Posso consigliarle di non avere fretta di rientrare in campo se non si sente al cento per cento. E' pur vero che sarebbe importante iniziare bene la stagione, ma lo è altrettanto essere in forma fisicamente. Le qualità tecniche e le capacità per sopportare i momenti difficili, non le mancano quindi aspettare ancora un po' non costa nulla. Condivido pienamente le sue scelte e le sue decisioni. Forza Flà!

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento