Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tiro a segno, il sogno di Paolo Monna: "Le olimpiadi di Tokyo nel mirino"

L'azzurro originario di Carovigno, dal 2016 nel gruppo sportivo dell'Arma dei carabinieri, racconta com'è nata la passione per la sua specialità e la preparazione per la più ambita competizione sportiva

 

CAROVIGNO- Concentrarsi attraverso un respiro profondo, trattenere il fiato, mirare il bersaglio e sparare: sono concessi 60 colpi in un’ora e quindici minuti per dimostrare di essere un campione di tiro a segno e Paolo Monna, atleta del gruppo sportivo dell’Arma dei carabinieri, ha già fatto incetta di ori alle competizioni nazionali, europee e quattro ai mondiali. La prossima sfida dell’azzurro originario di Carovigno? Le olimpiadi di Tokyo 2021.

Paolo Monna, 23 anni ad aprile, è un talento innato, per dirlo con le parole del consigliere dell’associazione di tiro a segno, sezione Carovigno, Massimo Minutoli, brigadiere capo del Nor della compagnia di San Vito dei Normanni, già campione regionale e nazionale di tiro a segno. Fin dall’età di otto anni, Massimo Minutoli insieme al presidente Giuseppe Argentieri, ha guidato l’azzurro Monna nella disciplina di uno sport che si basa sulla concentrazione e sulla precisione.

“Nella mia famiglia praticano caccia e mi sono avvicinato al mondo delle armi da piccolo: ho scoperto il poligono a 8 anni e a 11 ho vinto il primo campionato giovanissimi” racconta Paolo Monna a BrindisiReport, mentre nel poligono di Carovigno si prepara ad affrontare l’ambita sfida delle Olimpiadi di Tokyo 2021, dopo aver vinto tutti i titoli nella sua categoria, gareggiando nella nazionale italiana di tiro a segno e poi, dal 2016, nel gruppo sportivo dell’Arma dei carabinieri.

Paolo Monna si allena tutti i giorni nel poligono della città che gli ha dato i natali e quando viene convocato dalla nazionale azzurra, parte alla volta di Roma, portando con sé il tifo della sua città, della famiglia che l’ha sempre sostenuto e dei membri dell’associazione di tiro a segno, sezione di Carovigno, fondata nel 1997 da Giuseppe Argentieri.

L’azzurro Monna è l’esempio che a dare slancio allo sport italiano c’è l’apporto degli atleti delle Forze armate, probabilmente un contributo poco noto, ma che è dovuto al protocollo d’intesa instaurato col Coni. Atleti appassionati a uno sport, in questo caso tiro a segno, che non si limitano al mero conseguimento di una prestazione sportiva, ma che si impegnano, come Paolo Monna, a veicolare i valori della solidarietà, del rispetto, della correttezza e della disciplina.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento