rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Sport

Ululati razzisti ai giocatori del Mesagne: Gallipoli-Brindisi a porte chiuse

Il giudice sportivo della Lega nazionale dilettanti punisce la società salentina per il comportamento di "10-15 tifosi"

BRINDISI - Gallipoli-Brindisi, in programma domenica prossima (23 settembre) per la terza giornata del campionato di Eccellenza, verrà disputata a porte chiuse. Il giudice sportivo del Comitato regionale della Puglia della Lega Nazionale Dilettanti non ha fatto sconti alla società salentina, i cui tifosi, durante la gara disputata domenica scorsa a Mesagne (terminata 0-0), avrebbero proferito offese razziste nei confronti dei calciatori gialloblù di origine africana.

“Durante tutta la durata della gara 10 - 15 sostenitori che occupavano la tribuna dietro l'assistente n. 2 – si legge nel provvedimento - emettevano mugugni ed ululati schernitori e discriminanti all'indirizzo dei tesserati di colore della società ospitante”. Per questo, oltre alla sanzione da scontare a porte chiuse da scontare con effetto immediato, alla società gallipolina è stata inflitta anche una ammenda da 500 euro.

I supporters biancazzurri, dunque, non potranno sostenere gli uomini di mister Rufini in terra salentina, dove Pignataro & co. andranno alla ricerca dlele quarta vittoria di fila, fra campionato e Coppa Italia d’Eccellenza.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ululati razzisti ai giocatori del Mesagne: Gallipoli-Brindisi a porte chiuse

BrindisiReport è in caricamento