Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scampia-Paradiso, periferie degradate: "La politica non sa difendere chi soffre"

 

BRINDISI - L'autore del libro "Un gesuita a Scampia. Come può rinascere una periferia degradata", padre Fabrizio Valletti, ieri, giovedì 12 aprile, ha incontrato la comunità parrocchiale della chiesa San Nicola al quartiere Paradiso a Brindisi. L'evento è stato organizzato dall'associazione Quartiere Paradiso, dall'Azione cattolica Parrocchia San Nicola, dalla Comunità parrocchiale San Nicola e dal presidio di Libera di Brindisi. Il gesuita è stato intervistato da Elvira D'Alò, dirigente dell'istituto comprensivo Santa Chiara di Brindisi. "Nel libro racconto quello che è necessario fare per togliere le persone dal degrado e dalla sofferenza. Offrire dignità all'uomo è un obbligo personale e sociale", ha spiegato padre Valletti. 

Trama del libro 

Il popoloso quartiere di Scampia, all'estrema periferia nord di Napoli, è divenuto l'emblema del degrado e dell'abbandono. Tra i principali mercati italiani della droga e con uno dei tassi di disoccupazione più alti del Paese, è stato ripetutamente dipinto come un luogo di violenza, soprattutto per le faide e la dominante presenza della camorra, che governa lo spaccio e l'occupazione abusiva delle case popolari. Eppure questo concentrato di sofferenza, dove molte famiglie hanno la maggioranza dei componenti in carcere, non è solo il fondale del film Gomorra di Matteo Garrone, girato in parte all'esterno e all'interno delle "Vele", i mastodontici palazzi di edilizia popolare costruiti negli anni Sessanta e Settanta.

Anche in questa polveriera sociale, infatti, molte cose stanno cambiando. Anno dopo anno è cresciuta una rete di associazioni che ha dato vita a un laboratorio di sartoria e a una biblioteca, a un'orchestra di bambini e a progetti contro la dispersione scolastica, a un caffè letterario e a corsi di formazione professionale, ad attività artistiche e sportive, a un portale internet. Perché, come sostiene in queste pagine il gesuita Fabrizio Valletti, «anche a Scampia si può sognare, si può cercare di vivere insieme nella legalità e nella libertà». Ed è possibile, soprattutto attraverso la scuola, modificare l'immaginario simbolico dei moltissimi ragazzi del quartiere.

"La sofferenza attraversa la società e purtroppo problemi di cultura, problemi di ignoranza, di salute, di lavoro, sono comuni a tutte le città", spiega padre valletti. Ciò che manca è quello che deve venire dopo il volontariato, vale a dire l'impegno delle istituzioni, e qui la classe politica italiana è sempre più assente. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento