rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021

Carcere, niente acqua di notte. Rumorosa protesta dei detenuti

BRINDISI – Problemi con l’erogazione idrica nel carcere, fornitura sospesa solo nelle ore notturne e i detenuti protestano davanti alle finestre con suoni e rumori vari che arrecano grossi disagi ai residenti della zona. Accade a Brindisi, da due notti di seguito. La casa circondariale si trova in via Appia, nel centro abitato e si affaccia su altre tre strade, coprende un intero isolato. Intorno all’una gli abitanti vengono svegliati da rumori metallici prodotti da colpi continui e cadenzati di oggetti metallici contro le grate di ferro e urla.

Da quanto spiega la direttrice del carcere, Annamaria Dello Preite, però, si tratta di un problema, quello relativo dall’erogazione idrica, che non dipende dalla volontà degli enti che gestiscono la casa circondariale e che sono state attivate tutte le procedure per risolvere il problema, che va avanti da un paio di mesi.

“Nelle ore notturne interrompiamo l’erogazione idrica per far riempire i serbatoi in modo da avere un flusso continuo durante il giorno – spiega la direttrice raggiunta telefonicamente da Brindisireport – ad ogni detenuto, però, viene fornita una tanica di acqua in caso dovessero esserci necessità durante la notte. È un problema che dura da qualche mese che stiamo cercando di risolvere con tutti i mezzi a nostra disposizione e che coinvolge anche il personale. L’acqua di notte manca per tutti, stiamo cercando di creare meno disagi possibile, purtroppo non dipende dalla nostra volontà”.

Nelle ore notturne, salvo qualche eccezione, l’acqua nel carcere non dovrebbe servire come serve di giorno. I detenuti brindisini, però, hanno deciso di protestare, di notte, togliendo il sonno ai residenti.

Video popolari

Carcere, niente acqua di notte. Rumorosa protesta dei detenuti

BrindisiReport è in caricamento