Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Investimento vicino al Carbrun: "Le Istituzioni trovino una soluzione, basta morti"

L'appello del presidente della Comunità africana di Brindisi Drissa Kone: "Indossate i gilet catarifrangenti"

 

CAROVIGNO - Ci sono ancora i segni delle frenate sull'asfalto vicino al Carbrun, la struttura che ospita i migranti sulla strada provinciale Carovigno - San Vito dei Normanni. Proprio di fronte all'imbocco del viottolo che porta all'hotel c'è una chiesetta. A cento metri è morto Said Cisse, solo 22 anni, originario del Gambia, investito in bicicletta da un'autovettura nella notte di domenica 18 ottobre. Drissa Kone, presidente della Comunità africana di Brindisi, si ferma dove ci sono delle macchie di sangue, a bordo strada, e rimane in silenzio per un minuto. Un'auto sfreccia a pochi passi da lui. “Il limite qui è di 50 chilometri orari”, dice, con la rabbia negli occhi. Ma molte auto vanno veloci. E di notte, senza gilet catarifrangenti, la velocità unita alla scarsa visibilità è stata fatale in più occasioni, anche in questo preciso punto, dove adesso a bordo strada c'è la catena della bici di Said. Il corpo a breve tornerà nel suo Paese d'origine. Accanto a Drissa c'è James, un inglese trapiantato qui che ospitava il 22enne gambiano. Non vuole dire nulla, “il dolore è troppo grande adesso”, mormora. Drissa Kone invece vuole parlare. Oggi, martedì 20 ottobre, a Carovigno si sarebbe dovuta svolgere una manifestazione davanti al Municipio, saltata all'ultimo momento per problemi logistici. “Mai più queste morti – grida Drissa – Mai più”. Servono giubbotti catarifrangenti e controlli della Municipale, dice, per bloccare i ragazzi in bici che girano di notte e non li portano, diventando un pericolo per sé e per gli altri. Ma sopratutto per sé, vista la loro vulnerabilità su di una bici. Ma si appella anche alle Istituzioni, vuole un incontro con i sindaci di Carovigno e San Vito. Vuole un attraversamento pedonale lì, o un dosso. O entrambi. “Mai più”, continua a mormorare come un mantra, mentre gli occhi gli si velano.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento