rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024

Cumuli di Posidonia e sporcizia: spiagge libere off-limits. Anche strade al buio

Alghe, sporcizia, pezzo di legno. Impossibile usufruire degli arenili liberi compresi tra i lidi privati. Disagi a Torre San Gennaro e Campo di Mare

Impossibile frequentare le spiagge libere comprese tra i lidi privati siti tra Campo Di Mare e Torre San Gennaro, marine di competenza rispettivamente di San Pietro Vernotico e Torchiarolo: l'arenile è pieno di alghe, pezzi di legno e tronchi di grandi dimensioni. Oltre a rifiuti di vario genere, trovate anche siringhe. Disagi anche nel centro abitato dove alcuni pali della pubblica illuminazione sono spenti. 

Le segnalazioni giungono da residenti e turisti. Una situazione che si presenta ogni anno ma che solitamente viene risolta a ridosso dell'inizio della stagione estiva. "I primi di luglio la spiaggia di Campo di Mare è sempre stata pronta per ricevere i villeggianti, quest'anno è piena di pericoli e sporcizia", precisa una residente.

Torre San Gennaro strade al buio

Stessa situazione più a sud dove la Posidonia oceanica ha completamente invaso la battigia. "Impossibile fare il bagno o accedere in qualche modo al mare, qualcuno ha anche contratto infezioni cutanee a quanto pare se ne dovrebbe occupare il Demanio, così almeno ci è stato riferito".

Torre San Gennaro strade al buio1

Va ricordato che a giugno dello scorso anno la Giunta regionale ha approvato un importante aggiornamento, frutto di un lavoro congiunto degli uffici della Sezione Demanio e Patrimonio e della Sezione Ciclo Rifiuti e Bonifiche, riguardo alle "Linee guida per la Gestione delle Biomasse Vegetali Spiaggiate" elaborate nel 2015. E quest'anno ha stanziato 2 milioni di euro ripulire i suoli pubblici invasi dai rifiuti nei comuni. Tra gli interventi previsti anche la rimozione delle biomasse vegetali spiaggiate, ma solo nei casi consentiti dalle Linee guida di riferimento.  

Come già accennato si registrano disagi anche nel centro abitato: molte zone di Torre San Gennaro, in particolar modo le strade comprese tra le due marine, sono al buio. In questo caso ai residenti sarebbe stato spiegato che non ci sono le risorse economiche per ripristinare l'impianto della pubblica illuminazione: "E perchè paghiamo le tasse?". 

Si parla di

Video popolari

BrindisiReport è in caricamento