Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In bici da Roma a Brindisi, alla riscoperta della via Appia

 

Partiti da Roma lo scorso 18 aprile, sono arrivati intorno alle ore 18,30 di oggi (domenica 28 aprile) a Brindisi, i ciclisti dell’associazione Ruotalibera Roma, impegnati in un tour alla riscoperta dell’antico percorso della via Appia: un viaggio di 700 km attraverso monti e pianure, scoprendo vestigia romane e medioevali e paesini affascinanti e poco noti.

Il progetto Gran Via in Bici è stato realizzato dalla sezione romana della Fiab, la Federazione ambiente e  bicicletta. Le guide cicloturistiche Walter De Dominicis ed Enrico Caruso, insieme a Giorgio Tupone dell'associazione Folk Media per la promozione dei territori, hanno ricostruito il tracciato dell'Appia Antica. 

scalinata virgilio ciclistti-2

Il lavoro si ispira al cammino compiuto dallo scrittore/giornalista Paolo Rumiz che ha percorso la strada romana a piedi nel 2016.
Rumiz prima e i volontari di Fiab-Ruota libera hanno individuato un percorso il più possibile aderente a quello della consolare, utilizzando strade secondarie e sterrati. In qualche punto hanno ritrovato perfino pezzi di basolato romano originale. Lungo tutto il tragitto, hanno trovato ruderi romani di grande fascino (tombe, acquedotti, stadi, ville, templi), oltre a belle chiese medioevali.

Il cammino indicato da Rumiz non è segnato, ma è disponibile su internet (https://feltrinellieditore.it/news/2016/06/08/appia/ ). Sul sito della Feltrinelli sono condivise le mappe e le tracce gps. La Gran Via si può percorrere con trekking bike, mountain bike e gravel.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento