Buoni fruttiferi postali serie Q/P: la spuntano i clienti

Arbitrato favorevole a tre risparmiatori tutelati legalmente da Federconsumatori Brindisi

L'Arbitro bancario finanziario, con tre recenti decisioni del collegio di Bari, ha riconosciuto il rendimento stampato sul retro del buono postale fruttifero, serie Q/P, dal ventunesimo al trentesimo anno. I ricorrenti si sono rivolti allo sportello di Brindisi di Federconsumatori, dopo aver riscosso un importo di gran lunga inferiore rispetto a quanto previsto all'atto della sottoscrizione del buono postale fruttifero. 

Con le decisioni numero 20727/2019, 21761/2019, 24475/2019, gli associati a Federconsumatori, per il tramite dell'avv. Mario Presta, hanno visto riconosciuto integralmente l'importo fisso stampato sul titolo dal ventunesimo al trentesimo anno successivo all’emissione. Lo fa sapere la presidente di Federconsumatori Brindisi, Concetta Somma.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I buoni in questione, appartenenti alla serie Q/P sono stati immessi sul mercato da Poste Italiane SpA. nel periodo compreso tra l’1 luglio 1986 e il 31 ottobre 1995 per i quali è espressamente indicato in misura fissa il rendimento, per ogni bimestre dal ventunesimo al trentesimo anno successivo all’emissione. Chiunque intendesse verificare i propri buoni postali fruttiferi, potrà richiedere un appuntamento allo sportello di Federconsumatori Brindisi chiamando il numero 3272441534.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento