Sabato, 24 Luglio 2021
Attualità

Confcommercio si appella ai sindaci: "Interventi urgenti per bar, pub e ristoranti"

La confederazione chiede una riduzione della Tari, annullando la parte relativa al primo semestre e l'esenzione della Tosap per il 2021

BRINDISI - Situazione difficile per le imprese del settore pubblico esercizio (bar, ristoranti, pub) della provincia di Brindisi. E' quanto sottolinea la Confcommercio su un bacino di ben 2.185 imprese, con una forza-lavoro di oltre 6mila unità, ormai sull'orlo del fallimento. Proprio per questo, la Fipe-Confcommercio ha inviato una lettera a tutti i sindaci della provincia per chiedere interventi urgenti.

“In questi mesi di pandemia – afferma la presidente provinciale di Confcommercio Anna Rita Montanaro – il governo ha messo in campo strumenti di sostegno che sono risultati insufficienti e peraltro erogati con estrema lentezza. Ed è stato chiaramente al di sotto delle aspettative anche l’intervento della regione Puglia, al contrario di ciò che è avvenuto in altre parti del paese. Proprio per questo, ci rivolgiamo ai sindaci affinché, pur nelle ristrettezze dei bilanci comunali, si proceda con una riduzione della Tari, annullando la parte relativa al primo semestre, anche attraverso un contributo compensativo. Per quanto riguarda la Tosap, invece, chiediamo che l’esenzione venga protratta fino a tutto il 2021, in maniera tale da alleggerire il peso a carico degli esercenti”.

“Qui si tratta di salvare un comparto economico – conclude il presidente della Fipe-Confcommercio Pierpaolo Prato -  che ha un peso rilevante nella nostra provincia. Il mondo della ristorazione è rimasto chiuso, nel 2020, non meno di 160 giorni e questo ha determinato, in aggiunta ai ristori insufficienti, una crisi che rischia di diventare irreversibile e che già sta evidenziando pericolosi episodi di insolvenza”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confcommercio si appella ai sindaci: "Interventi urgenti per bar, pub e ristoranti"

BrindisiReport è in caricamento