rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Attualità

"Salvalarte": giovedì la presentazione del progetto Cittadella universitaria

Legambiente ha proposto interventi integrativi per la valorizzazione dell'area. Appuntamento alle ore 16, presso la sala Mario Marino Guadalupi

BRINDISI - Salvalarte è sempre stata la campagna nazionale di Legambiente tesa a valorizzare beni architettonici e storico artistici, paesaggi e più in generale la bellezza di cui è ricca l'Italia. Negli anni '90 del secolo scorso Legambiente Brindisi circolo Tonino Di Giulio è riuscita ad ottenere, grazie a Salvalarte, finanziamenti per avviare il restauro della cripta di San Biagio, l'arredo urbano del Lungomare Amerigo Vespucci ed il restauro del Bastione San Giacomo, anche grazie al dirottamento da parte dell'Amministrazione comunale dei fondi destinati ad altra opera.

E' anche per il focus che l'associazione ha sempre tenuto aperto sul bastione San Giacomo e su porta Lecce, oggetto di proposte progettuali per localizzare in tali beni attività culturali e turistiche, che Legambiente ha accolto con grande favore, fino a diventarne partner, l'invito dell'Amministrazione comunale di Brindisi nella predisposizione di un'idea progettuale per la creazione di una cittadella universitaria lungo le storiche mura della città fra Bastione San Giacomo e Bastione Arruinado, progetto che ha ricevuto un finanziamento ministeriale di 15.000.000 di euro. Il progetto prevede attività e manifestazioni culturali nel bastione San Giacomo, la ristrutturazione a carico della Regione di una palazzina da tempo abbandonata per la creazione di una casa dello studente, l'utilizzo del palazzo che ospitava gli uffici finanziari per localizzare aule ed attività didattiche, la ristrutturazione di una palazzina che, anni fa, ospitava una scuola elementare da adibire a foresteria con servizi aperti al pubblico, inglobando l'attigua palestra Galiano, il restauro conservativo della splendida chiesa del Cristo, la ristrutturazione di quello che era il convento di San Domenico, in seguito sede dell'istituto tecnico Marconi, da adibire a sede di rappresentanza e per la discussione di tesi di laurea, salvaguardando alcuni splendidi ambienti interni, l'utilizzo del cortile e dell'attigua palazzina da destinare anch'essa a casa dello studente, l'utilizzo degli ampi ambienti attigui a Porta Lecce per attività culturali e turistiche, riaprendo il camminamento coperto fino al Bastione Arruinado ed infine il recupero del vecchio tracciato dismesso che collegava la stazione centrale a quella marittima da adibire ad area verde.

Partners del progetto sono, oltre Legambiente, la Curia Arcivescovile di Brindisi, la Croce Rossa Italiana la cui sede sita nell'area di progetto sarà sottoposta a lavori di ampliamento e adeguamento funzionale, gli ordini professionali degli architetti e degli ingegneri, il collegio provinciale dei geometri, Italia Nostra e Wwf. Legambiente ha proposto interventi integrativi che consentano di localizzare nella zona esercizi commerciali e di ristoro, di sostenere il ricorso al super ecobonus per recuperare immobili scarsamente abitati e mal tenuti e di mutare la mobilità lungo via Nazario Sauro e di prevedere piste ciclabili innanzitutto lungo il dismesso tracciato ferroviario. Il progetto verrà presentato per conto dell'Amministrazione comunale dall'Assessore all'urbanistica professor Dino Borri e dalla dirigente architetto Marina Carrozzo, dopo il saluto del Sindaco ingegner Riccardo Rossi e del presidente di Legambiente Brindisi circolo Tonino Di Giulio dottor Doretto Marinazzo nell'ambito di Salvalarte nel pomeriggio del 4 novembre nella «Sala Mario Marino Guadalupi» alle ore 16, il programma di dettaglio verrà reso pubblico nelle prossime ore. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Salvalarte": giovedì la presentazione del progetto Cittadella universitaria

BrindisiReport è in caricamento