menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Io resto a casa": i commercianti di Ostuni si fermano per 15 giorni

"Lo facciamo per tutelare tutti noi, i nostri dipendenti e tutti i nostri clienti, in queste ore difficili"

OSTUNI - "Io resto a casa" è l’appello che hanno raccolto e rilanciano a tutti anche molti esercenti della Città Bianca che hanno deciso nelle ultime ore di fermarsi per rispettare il decreto emanato dal governo centrale. “Lo facciamo per tutelare tutti noi, i nostri dipendenti e tutti i nostri clienti – hanno sottoscritto i commercianti di Ostuni aderenti al progetto - in queste ore difficili per il nostro territorio regionale e comunale, abbiamo deciso di fermarci e aderire alla campagna nazionale lanciata tramite l’hashtag #iorestoacasa per combattere il coronavirus”.

Sono già diversi gli esercenti di ogni ordine e grado che hanno deciso di stoppare le proprie attività per i prossimi 15 giorni, naturalmente gli stessi si augurano che tutti gli organi competenti, possano salvaguardare questa scelta, “Oggi per noi stoppare l’attività imprenditoriale è una scelta saggia e coraggiosa, lo facciamo per tutelare tutta la nostra comunità, ma allo stesso tempo ci auguriamo che arrivi da chi di competenza (governo centrale, regione, ecc.) una risposta al nostro mondo imprenditoriale soprattutto ai fini fiscali. L’appello che facciamo è quello di restare a casa”. Il comitato degli imprenditori è aperto a tutti ed è possibile aderire tramite i referenti (uno per ogni zona), che verranno comunicati nelle prossime ore.

La comunicazione della sospensione preventiva, verrà comunicata anche al Governo, al Prefetto di Brindisi, al Sindaco ed al Comune di Ostuni, alla Regione Puglia ed alle associazioni di categoria.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sanremo, sul palco dell'Ariston anche una ballerina brindisina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Frutta e verdura di stagione: la spesa di marzo

Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento