Ponte imbrattato: volontari in azione. "Ma occorrono controlli e telecamere"

Un gruppo di cittadini guidato da Teodoro Siciliano pulisce il ponte di via Del Mare, tappezzato di sfregi

BRINDISI – Anche la piccola Francesca, di 4 anni, si è unita con entusiasmo al manipolo di volontari che oggi pomeriggio (martedì 14 gennaio) ha dato una ripulita al ponte di via Del Mare, eliminando decine e decine di scritte impresse con pennarelli e bombolette spray sui parapetti di vetro.

Cittadini pulisconi ponte via Del Mare-2

L’iniziativa civica è stata organizzata da Teodoro Siciliano, noto per la pagina Facebook, “Teo vivere Brindisi”, in cui racconta quotidianamente il bello, ma anche gli aspetti meno edificanti, di Brindisi. Teo da anni è in prima linea contro i vandali che imbrattano i beni pubblici. Più volte, con il supporto di altri volontari, ha rimesso a lucido il sottopasso di via Tor Pisana. Ma uno dei terreni in cui si consuma il confronto fra Teo e gli incivili è proprio il ponte di via Del Mare, bersaglio costante dei vandali.

Cittadini pulisconi ponte via Del Mare 4-2

“Ci siamo imbattuti – dichiara Teo – in una situazione disastrosa. La balaustra era ricoperta di scritte. Con spugne, guanti, secchielli e raschietti abbiamo rimosso ogni sfregio. Ma tutto questo non servirà a nulla se le autorità competenti non si attiveranno per difendere il ponte dagli incivili. Occorrono telecamere e controlli. Non si può lasciare a dei semplici cittadini il compito di contrastare i teppisti. Siamo stanchi di non essere considerati da chi di dovere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

  • Inseguimento si conclude con scontro frontale: un arresto

  • Esplosi colpi di arma da fuoco nel centro abitato: si indaga

Torna su
BrindisiReport è in caricamento