Martedì, 16 Luglio 2024
Attualità Ostuni

Isola ecologica, fine dei disagi: riaperto il passaggio pedonale

Il vice sindaco Tanzarella: "Consente il conferimento dei rifiuti in maniera più sicura e ordinata, grazie alla realizzazione di un'area distinta e separata"

OSTUNI - E' stato riqualificato e riaperto al pubblico il passaggio pedonale dell'isola ecologica di contrada Santa Caterina, a Ostuni. Lo scorso 11 settembre si era provveduto alla consegna dei lavori alla presenza del dec del servizio (direttore per l'esecuzione del contratto) e del responsabile della sicurezza della ditta Bianco; oggi (giovedì 12 ottobre), dopo l'ultimazione degli ultimi interventi, tra i quali l'installazione della necessaria segnaletica verticale in grado di orientare l'utenza nelle operazioni di conferimento, l'isola ecologica si presenterà in una veste più accessibile e funzionale all'utilizzo da parte della cittadinanza. 

"Uno dei primi obiettivi di questa amministrazione - spiega il vice sindaco e assessore all'ambiente, Giuseppe Tanzarella - era quello di ultimare una volta per tutte i lavori avviati nel 2020 presso l'isola ecologica di contrada Santa Caterina, rendendo funzionante il passaggio pedonale che consente il conferimento dei rifiuti presso il centro di raccolta in maniera più sicura ed ordinata, grazie alla realizzazione di un'area distinta e separata rispetto a quella riservata alle operazioni di movimentazione mezzi del gestore del servizio". 

Dopo le note vicissitudini che avevano costretto il Comune a risolvere il contratto con la ditta aggiudicataria e a bandire una nuova gara d'appalto, il passaggio pedonale è stato finalmente restituito alla collettività pronto all'utilizzo. "Cerchiamo ogni giorno di affrontare i problemi e di risolverli - conclude Tanzarella - con l'impegno che la città si aspetta dopo il grande attestato di stima che ci ha riservato durante la scorsa tornata elettorale".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Isola ecologica, fine dei disagi: riaperto il passaggio pedonale
BrindisiReport è in caricamento