rotate-mobile
Sabato, 20 Aprile 2024
Attualità Mesagne

Mediazione interculturale per gli ucraini: Il Consorzio Br4 avvio il servizio

L’intervento sarà gestito dalla coop. soc. “Oasi”, attraverso la destinazione di una figura professionale formata per svolgere attività di mediazione culturale in lingua ucraina

Il Consorzio per la realizzazione del sistema integrato di Welfare dell’Ambito Territoriale Sociale Br4 informa che per l’anno 2023 sarà attivo il servizio di mediazione interculturale rivolto a persone di nazionalità ucraina. “Attraverso l’istituzione del servizio si intende offrire una concreta forma di supporto ai Comuni dell'Ats Br4 per la gestione del fenomeno che a partire dallo scorso anno ha fatto registrare un massiccio afflusso di cittadini ucraini sul nostro territorio, tra di loro anche minori stranieri non accompagnati”, spiega Antonio Calabrese, presidente del Consorzio Br4, sottolineando come la mediazione linguistico-culturale rappresenti un essenziale strumento di presa in carico per l’attuazione dei programmi a sostegno dell'inclusione sociale delle persone straniere.

L’intervento sarà gestito dalla coop. soc. “Oasi” – realtà con una consolidata esperienza nel settore della gestione dei servizi per minori, dei minori stranieri non accompagnati e dell’accoglienza degli immigrati – attraverso la destinazione di una figura professionale formata per svolgere attività di mediazione culturale in lingua ucraina. L’intervento della professionista e la sede per svolgere il servizio saranno concordati e programmati attraverso preventivo contatto al recapito telefonico 3761520342. Nelle mattinate di lunedì, mercoledì e venerdì saranno riscontrate le esigenze che presentano carattere d’urgenza.

Per ulteriori informazioni è possibile contattare il Consorzio Br4 con sede in via Eugenio Santacesaria, 7 chiamando il numero 0831.779207 e mandando un’e-mail a info@ambitomesagne.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mediazione interculturale per gli ucraini: Il Consorzio Br4 avvio il servizio

BrindisiReport è in caricamento