Sei positivi in una struttura per minori: una bambina in ospedale

I contagi sono stati registrati al Villaggio-Sos di Ostuni. Una bambina di sette anni e una operatrice ricoverate al Perrino. Entrambe sono in buone condizioni

OSTUNI – Una bambina di 7 anni ospitata presso il Villaggio-Sos Ostuni è risultata positiva al coronavirus. La bambina nella mattinata di oggi (domenica 29 marzo) è stata trasportata presso l’ospedale Perrino di Brindisi da personale del 118, insieme a un’operatrice della struttura, anch’essa positiva al Covid-19. Entrambe, da quanto appreso, sono in buone condizioni di salute. Un’altra operatrice del Villaggio era stata contagiata un paio di settimane fa. 

Arrivati con giorni di ritardi, gli esiti dei tamponi hanno certificato sei casi di positività, inclusi quelli della bambina e dell'operatrice, all'interno dei Villaggio. Lo ha annunciato in serata il sindaco di Ostuni, Guglielmo Cavallo, attraverso un post pubblicato sulla sua pagina Facebook. "Si tratta di casi per i quali è giunta notizia oggi, all'esito dei tamponi - afferma il primo cittadino - ma che erano già posti in isolamento domiciliare da tempo". 

L'impegno del Villaggio Sos per i minori

Il Villaggio Sos – Ostuni onlus è gestito da una società cooperativa sociale, la cui nascita risale al 1964, mentre l’attività del Villaggio Sos è iniziata nel 1969. La cooperativa ha come finalità l’assistenza ai minori a rischio di devianza, provenienti da famiglie in difficoltà, la maggior parte dei quali sono sottoposti a provvedimento dell’autorità giudiziaria minorile.

Attraverso le proprie “Comunità Familiari Sos”, la “Casa del Giovane” ed il “Progetto Samo” il Villaggio Sos si pone l’obiettivo di garantire ai bambini e ragazzi accolti un adeguato percorso di crescita psico/fisica in vista dell’auspicato rientro nella propria famiglia o, nel caso questo non risulti essere possibile, verso una dignitosa integrazione nella società. L’Associazione Internazionale Sos Villaggi dei Bambini è oggi presente in 133 paesi del mondo.

Morto un ostunese residente a Piacenza

Nella giornata odierna, purtroppo, come annunciato sempre da Cavallo, è arrivata nella Città Bianca la notizia del decesso di Carmine Pinto, venuto a mancare a Piacenza dove si era trasferito da tempo.  "In questa fase di emergenza - prosegue il sindaco - si moltiplicano le persone che si offrono di collaborare con donazioni anche di generi alimentari. È necessario che tutti gli aiuti consistenti in generi alimentari confluiscano nella sede Caritas dove stiamo organizzando la distribuzione per i bisognosi".

"Questo è il tempo di combattere il virus metro per metro - conclude Cavallo - stando in casa, facendo donazioni o attivandosi per supportare i nostri operatori sanitari e i nostri volontari così come non va aggravato il compito delle forze dell'ordine e di chi deve lavorare per consentire l'approvigionamento alimentare e dei farmaci".

Articolo aggiornato alle ore 22.10 del 29 marzo (sei casi positivi)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incendio durante il rifornimento: in fiamme il distributore Ip di Sant'Elia

  • Non torna a casa: trovato senza vita in auto in aperta campagna

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Diffonde immagini intime di una donna: arrestato per revenge porn

  • Covid, Puglia: la curva non si abbassa, 32 nuovi decessi

  • Coronavirus, stabili i nuovi positivi in Puglia. Cinque decessi nel Brindisino

Torna su
BrindisiReport è in caricamento