La sfida sulle auto elettriche: tra i premiati a Torino anche studente sampietrano

Si tratta di Raffaele Manca 23 anni, studente di Ingegneria dell'autoveicolo al Politecnico

SAN PIETRO VERNOTICO – C’è anche uno studente sampietrano nel team vincitore del concorso “Challenge@Click” promosso dal gruppo Fca (Fiat Chrysler Automobiles) sulla e-Mobility. Si tratta di Raffaele Manca 23 anni, studente di Ingegneria dell'autoveicolo al Politecnico di Torino, appassionato di veicoli.  

I partecipanti, suddivisi in cinque team provenienti da Ingegnerie diverse del Politecnico, sono stati chiamati a trovare soluzioni innovative per ottimizzare il sistema di ricarica delle batterie delle auto elettriche, associando alla necessità di incrementare la potenza anche l'esigenza di preservarne la durata nel corso del tempo.

raffaele manca-2

La sfida è stata realizzata in collaborazione con il Contamination Lab Innovation Kitchen (Clik), lo spazio del Politecnico dove gli studenti possono sperimentare e mettere in pratica le loro competenze in un ambiente informale. La fase finale del concorso si è svolta la scorsa settimana presso lo stabilimento Abarth di Fca.

Dei cinque progetti proposti la giuria, composta da esperti e tecnici di Fca, ha selezionato l'impegno del team “InFusion” che ha proposto una soluzione innovativa per ridurre al minimo gli effetti dell'ansia da ricarica negli utenti di auto elettriche. La giuria ha citato la loro capacità di affrontare la complessità del problema, l'unicità del progetto proposto e la qualità della presentazione.

“Abbiamo sviluppato un Software che impara le abitudini dell’automobilista, basandosi sull’agenda, sui servizi di Google o sul Gps e aiuta a programmare le ricariche cercando di salvaguardare la salute della batteria, garantendo quella che è l’autonomia necessaria per compiere i viaggi e gli spostamenti. Ogni Team ha presentato la sua idea: la nostra è piaciuta, è stata scelta e molto probabilmente avremo la possibilità di svilupparla”. Spiega il giovane studente, al secondo anno della magistrale, anche appassionato di musica e tra i fondatori dell’associazione culturale “Tramoontana” che opera su San Pietro Vernotico e Cellino San Marco. Un legame con il suo paese natale che il 23enne non ha mai interrotto nonostante gli studi lo hanno portato lontano. Uno dei tanti giovani che sogna di tornare nella sua terra e lavorare per risollevarla “Cambiare il paese per non cambiare paese”, il motto dell’associazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento