A2a: "Non a semplici dismissioni che non portano occupazione"

Nota dei sindacati sulla centrale ex Edipower a due giorni dal consiglio comunale in cui si parlerà del futuro del sito

Riceviamo e pubblichiamo una nota delle segreterie/coordinamenti territoriali dei sindacato Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil sul futuro del sito che ospita l’ex centrale energetica di Brindisi Nord in fase di smantellamento, in vista del consiglio comunale in programma lunedì prossimo (1 ottobre). 
 

I Sindacati Territoriali Filctem Cgil, Flaei Cisl e Uiltec Uil, la Rappresentanza Sindacale Unitaria e i lavoratori dell’impianto A2A energie future di Brindisi, in vista del previsto Consiglio Comunale di Brindisi del prossimo 1 Ottobre 2018, avente tra gli altri argomenti all’ordine del giorno, la valutazione su A2A, fanno appello al Sindaco di Brindisi, alla Giunta e a tutte le forze politiche presenti nell’assise comunale, a ricercare e individuare ogni possibile mediazione per aprire un confronto vero e senza pregiudizio sui possibili investimenti della municipalizzata A2A. 

Serve gestire la fase di dismissione dei vecchi impianti della Centrale di Brindisi Nord, già da tempo avviata, provando a garantire innovative opportunità industriali alternative alla generazione termica, superata in quel sito dal 2012, per garantire occupazione, sviluppo industriale sostenibile e investimenti nel settore ambientale.

Investimenti di lungo termine in tecnologie rinnovabili, sviluppo di filiere industriali ad elevata intensità tecnologica, per la crescita occupazionale nel settore della green economy.  Un futuro occupazionale per gli attuali addetti che stanno garantendo il presidio degli impianti, il monitoraggio delle fasi di smontaggio degli impianti esistenti e una prospettiva per tutti gli altri lavoratori cittadini di questo territorio, che hanno subito trasferimenti in vari impianti italiani per poter conservare la garanzia occupazionale.
 
Diventa necessaria una verifica della volontà del gruppo industriale A2A annunciata al Sindacato e alla precedente Amministrazione Comunale, di prevedere per Brindisi, nell’era di transizione energetica e del superamento del carbone, la realizzazione dell’annunciato “Polo di energie rinnovabili”, con impianti di solare termodinamico, mini-eolico, produzione di biometano da Forsu (Frazione Organica del Rifiuto Solido Urbano) e un area infrastrutturata per sperimentazioni con le Università.

Tutte fasi di valutazione in un’ottica di confronto aperto e trasparente da racchiudere in un chiaro ed esigibile “Accordo di Programma” istituzionale dove racchiudere tutti gli impegni tra le parti a garanzia del territorio, lo sviluppo, l’ambiente e l’occupazione.   Per il polo energetico e industriale di Brindisi, bisogna ricercare trasformazioni, innovazioni, sviluppo e non semplicistiche dismissioni, che non portano occupazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Lite poi gli spari davanti al mercato della "Corazzata", al Paradiso

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

  • Brindisi "Il porto più bello del mondo". Con i nuovi accosti e un parco urbano

Torna su
BrindisiReport è in caricamento