Progetti Erasmus: a Brindisi per una settimana studenti di quattro Paesi

Delegazioni portoghese, finlandese, ceca e turca ospiti delle famiglie dei ragazzi del "Majorana". Obiettivo, un modello tridimensionale del sistema solare

Studenti del Majorana impegnati in uno dei recenti progetti europei

BRINDISI – Un modello tridimensionale del sistema solare riunisce a Brindisi per sette giorni studenti portoghesi, turchi, cechi e finlandesi ospiti dell’Istituto di istruzione secondaria superiore “Ettore Majorana”. Lunedì 13 arriveranno quattro delegazioni di ragazzi e docenti di scuola superiore: in tutto 20 studenti e 10 docenti delle città di Quarteira (Portogallo), Denizli (Turchia), Helsinki (Finlandia) e Pisek (Repubblica Ceca), che si fermeranno per una settimana, nell'ambito del progetto Erasmus Plus denominato "Union solar system via Geogebra", in partenariato appunto con il “Majorana”.

Il progetto, della durata di 2 anni, è finalizzato allo scambio culturale e didattico fra scuole europee, attraverso la realizzazione di un modello 3d del sistema solare con il programma Geogebra. Sono previste dal programma cinque diverse settimane di mobilità, una per ogni Paese partecipante. La prima di queste settimane si è svolta a marzo a Quarteira, ed ha coinvolto 6 studenti e 2 docenti del Majorana, che insieme ai loro compagni europei hanno lavorato ad attività riguardanti la conoscenza del sistema solare.

La permanenza a Brindisi prevede l'ospitalità dei 20 studenti in altrettante famiglie di ragazzi del Majorana, e tutto il gruppo, formato da 43 ragazzi di età compresa fra 14 e 15 anni, sarà coinvolto in un programma ricco di attività, workshop e visite culturali. Il programma della settimana è stato messo a punto dal team del Majorana che si occupa del progetto.

Martedì 14 maggio, alle ore 11,15 nella sala del capitello del Palazzo Nervegna di Brindisi, avverrà l'incontro dei partecipanti al progetto con il sindaco Riccardo Rossi e l'assessore alle politiche giovanili Roberto Covolo. Lingua ufficiale: l'inglese, naturalmente. Da qualche anno infatti “Majorana” è fortemente impegnato nella realizzazione di progetti del programma europeo Erasmus Plus. Oltre ai progetti Task (concluso) e Space (in via di conclusione), che rientrano nei Partenariati strategici KA2, per la cooperazione per l'innovazione e lo scambio di buone pratiche, quest'anno il “Majorana” è coinvolto in 3 diversi progetti Erasmus Plus.

Il primo è quello già descritto. Il secondo, denominato "Ad Majora..na in Europe!" ha permesso a 26 fra docenti, dirigente scolastico e personale Ata compresi, di acquisire una formazione mirata in Finlandia, Estonia e Regno Unito sui seguenti obiettivi: organizzazioni alternative di spazi e tempi di apprendimento, metodologia CLIL ed europrogettazione, usando la lingua inglese come lingua veicolare per seguire i corsi, completare le attività, implementare networking e teamworking.

Il terzo, denominato "Swot Scout",della durata di 2 anni, sta coinvolgendo 12 studenti e 4 docenti dell'Istituto Majorana in un progetto di scambio fra scuole, e vede come partner scuole di Almeria (Spagna), Skopje (Macedonia), Zagabria (Croazia). La prima mobilità è stata già effettuata ad Almeria, mentre i partner saranno nostri ospiti a Brindisi durante il prossimo anno scolastico.

Tutte le spese delle mobilità sono interamente coperte dal programma Erasmus Plus, che sovvenziona il progetto, dando alle scuole i mezzi per lanciarsi in un’avventura che rappresenta per tutta la comunità scolastica un’opportunità di cambiamento in dimensione europea, stimolando i processi di innovazione e miglioramento e promuovendo i valori dell’inclusione e della conoscenza reciproca, sottolinea un comunicato del “Majorana”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento