Politica

Salta l'incontro di maggioranza. Malumori sul caso staff del sindaco

Comincia a diventare kafkiana la situazione politica interna alla nuova maggioranza al Comune di Brindisi. Il sindaco Angela Carluccio non si è presentata giovedì sera all'incontro di maggioranza convocato per le 18 nella sede di Marcello Rollo in via Appia.

BRINDISI – Comincia a diventare kafkiana la situazione politica interna alla nuova maggioranza al Comune di Brindisi. Il sindaco Angela Carluccio non si è presentata giovedì sera all’incontro di maggioranza convocato per le 18 nella sede di Marcello Rollo in via Appia. La Carluccio era infatti alla manifestazione organizzata in città da alcune associazioni femminili contro la violenza sulle donne, impegno he tuttavia non ha occupato interamente la sua serata.

Riunione saltata, quindi, tra lo sconcerto e i malumori di tutti, fatta eccezione per la componente legata all’area Ferrarese-Rollo, che sta diventando l’elemento principale non di coesione, ma di attrito all’interno della coalizione. La riunione di maggioranza è stata riconvocata per questa sera, tuttavia, stessa sede e stesso programma, ed i nodi al pettine non sono pochi, riguardo gli assetti e gli incarichi della nuova amministrazione.

Una delle questioni al centro delle perplessità, dell’irritazione (e pare anche di alcuni veti) dei partner di Noi Centro deriva dall’essere stati messi di fronte al fatto compiuto nella scelta dei membri dello staff del sindaco. Scelta che è giusto sia basata su una indicazione di base del primo cittadino, ma che merita e richiede quanto meno una condivisione con gli alleati.

Infatti per la designazione ufficiale dello staff, nonché per l’approvazione della spesa relativa, non è possibile ricorrere ad un atto monocratico del sindaco o del dirigente dell’ufficio di gabinetto, ma ci vuole una delibera della giunta comunale, che è ancora ben lontana dall’essere nominata. Non da ultimo, la spesa per i compensi dello staff richiederà una variazione di bilancio.

Ma nel frattempo due dei collaboratori onnipresenti (Francesco Zingarello Pasanisi e Gianmarco Di Napoli) in municipio o nelle comparizioni pubbliche del sindaco, lamentano non pochi esponenti della nuova maggioranza, agiscono come se fossero già in servizio permanente effettivo. Addirittura, si dice che la decisione di recarsi in procura di uno dei dirigenti comunali, sia legata proprio a tale situazione.

Come andrà a finire? Non resta che attendere l’incontro di questa sera: se si farà, uno dei famosi nodi al pettine sarà proprio la preponderanza ricerca del controllo assoluto della situazione, con lo staff e in giunta, e nelle municipalizzate, da parte del tandem Rollo-Ferrarese. La nota ufficiale dei Conservatori e Riformisti è un po’ una foglia di fico che maschera un malessere reale della parte brindisina del movimento di Raffaele Fitto. Luglio è cominciato così.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Salta l'incontro di maggioranza. Malumori sul caso staff del sindaco

BrindisiReport è in caricamento