rotate-mobile
Venerdì, 28 Gennaio 2022
Sport

Il ritorno del football americano: dopo i Dragons ecco i Bucks, anche donne

Da appena tre mesi, è stata fondata a Brindisi una nuova squadra di football americano, i Brindisi Bucks: un periodo di tempo breve, ma sufficiente per i suoi fondatori a ottenere un ottimo feedback dalle istituzioni, dai cittadini e dalle altre squadre italiane

BRINDISI - Da appena tre mesi, è stata fondata a Brindisi una nuova squadra di football americano, i Brindisi Bucks: un periodo di tempo breve, ma sufficiente per i suoi fondatori a ottenere un ottimo feedback dalle istituzioni, dai cittadini e dalle altre squadre italiane. Il football americano a Brindisi, tuttavia, non è una novità, bensì una realtà nata già diversi anni fa attraverso una vera e propria contaminazione culturale con le numerose famiglie americane residenti nel capoluogo e provincia, molte delle quali impiegate alla (ex) base Nato o alle Nazioni Unite, che ha portato alla fondazione dei Brindisi Dragons, un team molto competitivo che nel 2004 fu persino vice-campione d’Italia.

Successivamente avvenne la fusione con la squadra leccese dei Salento Spiders, dando così vita ai Salento Dragons, squadra tuttora attiva. Sono stati quegli stessi veterani del football a rifondare la squadra a Brindisi,un’idea nata quasi per gioco ma che ha di fatto generato un ritorno alle origini che sortisce effetti positivi sotto tutti i punti di vista: la risposta della città, infatti, è stata buona tanto che a distanza di appena tre mesi si contano ben 72 associati, tra cui figura anche una squadra femminile e un coaching staff di tutto rispetto che vede come head coach Christopher Pounds (già militante nella vecchia squadra brindisina).

Il logo dei Brindisi Bucks-2In questo modo, i Bucks si sono guadagnati l’appoggio dell’assessore allo sport Ingrosso così come il rispetto degli altri team nazionali, primi fra tutti i Mad Bulls di Barletta, con cui si progetta un summer camp. L’impegno dei Bucks va oltre l’ambito sportivo in sé, ma sfocia anche nel solidale attraverso la stretta collaborazione con l’Admo, e la partecipazione a numerose giornate organizzate dall’associazione per sensibilizzare sulla donazione del midollo osseo.

Nonostante l’eccellente passato, il football americano rappresenta per molti membri della squadra una novità che li ha rapidamente coinvolti attraverso il crescente passaparola sui principali social e un clima disteso e piacevole: i progetti in corso d’opera sono numerosi, il team verrà presentato il 25 maggio nel corso del Festival del Movimento organizzato dall’associazione Vetrine Inedite e a brevissimo partirà il reclutamento per le categorie senior, under 18 e per la squadra femminile.

L’obiettivo è quello di contare 100 atleti entro settembre, e chiunque avesse anche la minima curiosità è calorosamente invitato a provare e mettersi in gioco durante gli allenamenti, che si tengono ogni martedì e giovedì alle 21 presso gli impianti sportivi in via Giuseppe Pellizza da Volpedo (rione S. Elia).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il ritorno del football americano: dopo i Dragons ecco i Bucks, anche donne

BrindisiReport è in caricamento