Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Sport

Buona prova della Asd Crono Brindisi ai nazionali di salvamento

Se è vero che il futuro sono i piccoli esordienti, ai campionati italiani primaverili di categoria di nuoto per salvamento tenutosi a Riccione 6/7 e 8 febbraio con 1287 atleti (657 maschi e 630 femmine) 3966 presenze gara (3419 individuali, 547 staffette) e 89 società i due ragazzini sprint della Asd Crono Brindisi mai così in alto

Se è vero che il futuro sono i piccoli esordienti, ai campionati italiani  primaverili  di categoria di nuoto per salvamento tenutosi a Riccione 6/7 e 8 febbraio con 1287 atleti (657 maschi e 630 femmine) 3966 presenze gara (3419 individuali, 547 staffette) e 89 società i due ragazzini sprint della Asd Crono Brindisi mai così in alto. Alessandro  De Castro anno 2002 ai piedi del podio nel trasporto manichino con pinne con un tempo vicinissimo al primato italiano e si è giocato per una manciata di punti l'ingresso nella nazionale esordienti essendo andato sempre a punti anche nelle altre gare. Gaia Clarizia anno 2003 che sempre nel trasporto manichino con pinne facendo il primato regionale entra nei primi dieci, confermando l'eccellente  lavoro svolto dalla società sin dalla base che continua poi in una crescita a lungo termine nelle categorie superiori. Non a caso tutti gli altri atleti che hanno partecipato hanno fatto realizzare i loro tempi migliori in diverse prove ottenendo ottimi risultati nelle loro prove individuali e di staffetta: Lucia Cocciolo, Marco Longo, Martina Zanzariello, Roberta Carlucci, Giorgio Donativo, Alessia Pescara e Giorgia Forleo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buona prova della Asd Crono Brindisi ai nazionali di salvamento

BrindisiReport è in caricamento