Sabato, 31 Luglio 2021
Sport

Metropolitan Karate Brindisi, arrivano le prime qualificazioni per i campionati italiani

Più che soddisfatto il tecnico Francesco Zonno che segue il settore agonistico della società, supportata da Enel, oggi e da più di 20 anni ai vertici del karate brindisino

BRINDISI -  Dopo lo stop forzato di quasi un anno dalle competizioni per la situazione “Covid”, il gruppo agonisti della società brindisina ritorna a far parlare di se in campo nazionale ed internazionale. Nonostante il periodo di fermo di quasi tutte le attività sociali, e grazie alle direttive del Ministero della Salute e del Coni, gli allenamenti degli atleti impegnati nella preparazione di eventi sportivi federali, fortunatamente sono andati avanti. Sebbene tutte le restrizioni, che hanno condizionato il tipo di preparazione tecnica e atletica, da buoni marzialisti e con sacrificio, i giovani campioni si sono preparati agli eventi in programma nei mesi di giugno e luglio.

A fine giugno, a San Giorgio Jonico, nella fase di qualificazione per i campionati italiani Fijlkam, la Metropolitan Karate Brindisi dei maestri Francesco Zonno Francesco e Danilo Spagnolo, riesce a qualificare ben 6 atleti primeggiando in campo regionale nella specialità Kata ( Forme). Dal 2 al 4 luglio, poi, è stata impegnata in campo Internazionale, e precisamente a Porec ( Croazia) per la Coppa del Mondo Giovanile Wkf, dove ben 1590 atleti a rappresentanza di 60 nazioni provenienti da ogni angolo del mondo, si sono dati battaglia nella competizione giovanile ( Und14- Cadetti –Juniores) più importante del panorama intercontinentale.
A rappresentarla la giovane promessa Francesco Sergi che, purtroppo, nonostante caratteristiche atletiche e tecniche eccellenti, per un episodio poco fortunato, dopo aver passato il primo turno con un ottimo punteggio , è costretto a fermarsi piazzandosi in 21esima posizione su 64 concorrenti.

Dal 9 al 11 luglio, invece,  la compagine brindisina diretta dal maestro Zonno, si è recata a Lido di Ostia presso il PalaPellicone per i Campionati Italiani  Fijlkam ( unica Federazione di Karate riconosciuta dal Coni) . Nella categoria Assoluti, c’era il porta bandiera Samuel Stea, plurimedagliato ed ex nazionale, che aveva da difendere la sua medaglia di bronzo della scorsa edizione: dopo aver superato il primo turno con 24,32 (secondo punteggio migliore), il secondo turno con 24,34 (sempre risultato secondo punteggio migliore), al terzo turno, ossia quello dove si estrapolano i tre finalisti, col punteggio di 24,06, si piazza quarto quindi fuori dalla zona medaglia chiudendo al 7° posto in una categoria risultata essere la più impegnativa degli ultimi 10 anni! 
Vincitore Mattia Busato ( Gruppo Sportivo Esercito) che rappresenterà l’Italia alle prossime Olimpiadi di Tokyo 2020.

Stea però passa il testimone, dove, nella categoria Cadetti, splende il giovane Francesco Sergi che, a soli 15 anni, impressiona: supera brillantemente il primo turno col punteggio di 24,94 ( 1°); secondo turno con 24,74 ( 1°); il terzo turno con 24,70 (1°) accedendo alla finale per la medaglia d’oro. Ad attenderlo il forte Luigi Mattacchioni, atleta delle Gruppo Sportivo Fiamme Oro, che con un minimo scarto di solo 7 decimi gli porta via il titolo: Sergi conquista una meritatissima medaglia d’argento ed è vice campione italiano. Da considerare anche le ottime prove di Claudio Spinelli ( Assoluti), Andrea Testini e Antonio Centonze (Juniores) che hanno evidenziato un importante progresso mostrando un elevato margine di miglioramento. Più che soddisfatto il tecnico Francesco Zonno che segue il settore agonistico della Metropolitan Karate Brindisi, supportato da Enel, oggi e da più di 20 anni ai vertici del karate brindisino.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metropolitan Karate Brindisi, arrivano le prime qualificazioni per i campionati italiani

BrindisiReport è in caricamento