rotate-mobile
Sabato, 22 Gennaio 2022
Sport

Sabato a "Linea Blu" anche il servizio sulla regata internazionale Brindisi-Corfù

Chi ha voglia di vedere Brindisi attraverso il "filtro" della trasmissione Linea Blu, si piazzi davanti al televisore alle 14 di sabato 28 giugno, perchè nel corso della puntata della nota trasmissione dedicata ai mari italiani ma più in generale al Mediterraneo, ci sarà anche la parte con le immagini e le interviste che la troupe di Rai Uno ha realizzato durante la Brindisi-Corfù

BRINDISI - Chi ha voglia di vedere Brindisi attraverso il "filtro" della trasmissione Linea Blu, si piazzi davanti al televisore alle 14 di sabato 28 giugno, perchè nel corso della puntata della nota trasmissione dedicata ai mari italiani ma più in generale al Mediterraneo, ci sarà anche la parte con le immagini e le interviste che la troupe di Rai Uno ha realizzato durante la Brindisi-Corfù. Le immagini sono state registrate il giorno della vigilia della partenza, il 10 giugno, sulla banchina del lungomare Regina Margherita e dintorni, e il giorno successivo in mare, per lo start della ventinovesima edizione di questa regata, che ha segnato 101 iscrizioni, e 94 barche poi presentatesi al via.

Brindisi-Corfù 2014 - Idrusa in azione-2Il passaggio su Linea Blu darà maggiore visibilità alla regata, che ha comunque già spazi adeguati sui siti specializzati di vela e sui magazine del settore. "Fare Vela" dedicherà, oltre ai servizi in diretta da Corfù realizzati online dal direttore della rivista Federico Maselli, un ampio servizio sul numero di agosto della rivista, mentre "Il Gionale della vela" nel numero di giugno inserisce la Brindisi-Corfù tra le regate più eccitanti del Mediterraneo, e al primo posto tra quelle del settore "In luoghi magici", definendola la "regina dell'Adriatico Meridionale". (nella foto: Idrusa in azione)

Brindisi-Corfù 2014 - La festa della vigilia-2Un riconoscimento per gli sforzi compiuti dagli organizzatori del Circolo della Vela Brindisi, da un anno guidato da Teo Titi succeduto a Livio Georgevich, sodalizio che, non va dimenticato, ha portato a Brindisi negli anni scorsi un Campionato mondiale di vela d'altura, un Campionato mediterraneo di vela d'altura, due campionati nazionali femminili di match race, un campionato nazionale under 19 sempre di match race, ed una delle prove del mondiale della stessa specialità. Ma anche un successo per chi ha investito su questa regata, sponsor storici come Banca Popolare Pugliese, e nuovi come Tenute Rubino, e per le amministrazioni pubbliche che la sostengono da sempre: la Regione Puglia, il Comune e la Provincia di Brindisi tra tutti, l'Autorità Portuale, gli enti che offrono costantemente il proprio supporto come la Capitaneria di Porto. (nella foto: la festa alla vigilia della partenza)

Infine, un ritorno di immagine positivo per la città e per il territorio. La vela può dare tutto questo, e potrebbe dare molto di più se si decidesse di dedicare più spazio al diporto nautico nel porto interno non solo per i transiti ma anche per lo stazionamento, con nuove concessioni a società private anche esterne, purché specializzate. Intanto si pensa già, al Circolo della Vela Brindisi, all'edizione speciale del 2015, quella del trentennale della regata. Una vera e propria sfida per gli organizzatori, che contano molto sui due sponsor tecnici Marina di Brindisi e Marina di Gouvia. (Le immagini sono del fotografo di vela Fabio Taccola)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sabato a "Linea Blu" anche il servizio sulla regata internazionale Brindisi-Corfù

BrindisiReport è in caricamento