Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Palaeventi e rilancio della Cittadella: "La Regione avrà un ruolo importante"

 

Una convenzione per la realizzazione di un nuovo palaeventi in contrada Masseriola e un protocollo per il rilancio della Cittadella della Ricerca. Intorno ai temi dello sport, della cultura, della ricerca e dell'innovazione si consolida la collaborazione fra il Comune e la Provincia di Brindisi e la Regione Puglia. Il governatore Michele Emiliano e il sindaco, nonché presidente della Provincia, Riccardo Rossi hanno presentato stamattina (venerdì 14 giugno) i due progetti, nel corso di una conferenza stampa che si è svolta presso la sala universitaria di palazzo Nervegna, in presenza anche del capo di gabinetto della presidenza della Regione, Claudio Stefanizzi.

Un nuovo Palaeventi

La convenzione per la realizzazione di una nuova casa del basket brindisino, aperta anche ad altri sport, spettacoli ed eventi, era stata annunciata a sorpresa da Emiliano lo scorso 11 maggio, tramite il suo profilo Facebook. Le parti coinvolte nell’accordo sono la Regione, il Comune di Brindisi, il Credito sportivo e il privato che otterrà la gestione dell’impianto.

Si tratta di un’opera (“Il secondo palaeventi della Regione dopo il PalaFlorio di Bari”, ha dichiarato Emiliano) che prevede l’impegno di spesa di 10 milioni di euro, che saranno finanziati per il 45% dalla Regione Puglia, a fondo perduto a valere sui programmi turismo Pia, la cui percentuale però potrebbe essere aggiornata in virtù della capacità di fatturazione che avrà la società che si aggiudicherà l’appalto, e per la restante parte del 55% è prevista una copertura finanziaria per 80% da parte del Credito Sportivo con mutuo a tasso agevolato, ed infine per la somma residua con  intervento da parte dei privati per un importo che potrebbe aggirarsi sui 2 milioni di euro.

Il sindaco ha spiegato che si partirà subito con l’avviso pubblico, con un termine di 30 giorni dato ai privati per presentare un progetto, secondo la procedura dell’interesse di pubblica utilità. Poi il progetto approderà in consiglio comunale.  Regione e Comune daranno vita a un tavolo tecnico di coordinamento.

Convenzione: gli impegni della Regione

La Regione: si impegna a garantire la conclusione dei procedimenti di propria competenza in materia ambientale, paesaggistica e urbanistica; ad assicurare lo svolgimento della conferenza di servizi decisoria nel caso comporti atti di competenza regionale: a finanziare l’iniziativa con programmi integrati di agevolazione del comparto Turismo che abbiano l’obiettivo di favorire la destagionalizzazione dei flussi turistici anche mediante la realizzazione di infrastrutture sportive idonee ad ospitare eventi agonistici nazionali ed internazionali.

Convenzione: gli impegni del Comune

Il Comune di Brindisi si impegna ad espletare un avviso pubblici per l’individuazione di un soggetto promotore per la realizzazione e gestione della nuova struttura sportiva in contrada Masseriola, in uno con lo studio di fattibilità, corredato da un piano economico-finanziario e dell’accordo con una o più società sportive o associazioni professionistiche utilizzatrici in via prevalente l’impianto; ad espletare una conferenza dei servizi preliminare sullo studio di fattibilità per la dichiarazione del pubblico interesse della proposta o proposte presentate.

E poi a sottoporre all’approvazione del consiglio comunale lo studio di fattibilità in uno con i pareri previsti per legge; ad acquisire successivamente dal soggetto promotore il progetto definitivo, nonché una bozza di convenzione per la concessione di costruzione e di gestione, che specifichi le caratteristiche dei servizi e della gestione nonché la durata della cessione del diritto di superficie o di usufrutto; ad espletare la conferenza dei servizi decisoria con la partecipazione dei soggetti competenti, in base all’ordinario assetto delle competenze.

E poi ancora a pubblicare il verbale conclusivo di approvazione del progetto che costituisce dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza dell’opera, comprendente anche gli immobili complementari o funzionali, e costituisce altresì la verifica di compatibilità ambientale; ad espletare la procedura ad evidenza pubblica sul progetto definitivo approvato in applicazione delle previsioni in materia di finanza di progetto dalla normativa in tema di contratti pubblici; a effettuare la contrattualizzazione con il soggetto aggiudicatario.

Il cronoprogramma

Avviso pubblico di manifestazione di interesse  per l’acquisizione di studio di fattibilità con piano economico-finanziario e accordo con associazioni professionistiche che utilizzeranno la struttura: 30 giorni..

Valutazioni tecniche-economiche da parte della commissione nominata dal comune: 20 giorni

Conferenza di servizi preliminari per la dichiarazione di pubblico interesse e acquisizione pareri preliminari: 20 giorni

Delibera di Consiglio Comunale di approvazione del progetto e dichiarazione di pubblica utilità a apposizione di vincolo di natura espropriativa: 30 giorni

Trasmissione del progetto definitivo da parte del promotore: 60 giorni

Conferenza di servizi decisoria per l’approvazione del progetto: 90 giorni
Pubblicazione del verbale conclusivo della conferenza di servizi: 30 giorni

Espletamento procedure di selezione soggetto attuatore con finanza di progetto: 150 giorni

Esecuzione lavori: 360 giorni
 

Protocollo Cittadella

Per quando riguarda la Cittadella, è in via di definizione un protocollo secondo il quale la Provincia, presieduta da Riccardo Rossi, concederà l’immobile in comodato d’uso gratuito alla Regione, che tramite le risorse economiche a propria disposizione per gli immobili di proprietà, avvierà “rapidamente”, ha dichiarato il capo di gabinetto Stefanizzi, una “significativa attività di ristrutturazione”. Nel frattempo, tramite un’agenzia regionale, verrà predisposto un piano economico-finanziario attraverso accordi con i soggetti già insediati e quelli che si insedieranno. Tutto questo per rilanciare il sito e farne un luogo di sviluppo imprenditoriale, secondo direttrici che riguardano l’energia, la decarbonizzazione e lo sviluppo sostenibile.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento