Va a riposo uno dei pompieri della grande bandiera del 2 Giugno

Ma Giancarlo Zullino, ispettore antincendio e coordinatore Saf, ha in famiglia altri sei vigili del fuoco tra figli e nipoti, una donna inclusa

BRINDISI - Festeggiato dai colleghi con una piccola cerimonia presso il comando provinciale di Brindisi, va a riposo dopo oltre 36 anni di servizio l'ispettore antincendio Giancarlo Zullino, entrato nei Vigili del Fuoco nel 1978 come ausiliario, e poi come effettivo nel 1982. Zullino, per la cronaca, è uno dei componenti del gruppo Saf che ideò e attuò l'imbandieramento con il tricolore del Colosseo, per la parata della Festa della Repubblica. Ma con lui, come vedremo alla fine, è cominciata una vera tradizione di famiglia.

Nel corso della sua carriera, Giancarlo Zullino ha ricoperto vari incarichi: divenne caposquadra nel gennaio del 1995, capo reparto nel 2007 ed infine ispettore antincendio dal maggio del 2015. Lungo l'elenco delle emergenze nazionali in cui ha prestato la propria opera con i contingenti di Brindisi: terremoto in Irpina del novembre 1980, sisma in Umbria e nel Marche del 1997, in Molise, a L'Aquila nel 2009,sino ai più recenti terremoti di Amatrice nel 2016 e nuovamente in Molise nel 2018.

Giancarlo Zullino, a sinistra nella foto, con il comandante provinciale Antonio Panaro-2

Zullino ha partecipato anche a numerosi corsi per migliorare la propria preparazione professionale: operatore Saf di livello 2A, Soccorritore fluviale alluvionale (Sfa), abilitazione in radiometria ed Nbcr di livello 2, prevenzione incendi e polizia giudiziaria.ma a sua volta ha frequentato vari corsi per diventare a sua volta istruttore, soprattutto nel settore Saf.

Va ricordato, si diceva in principio, che Zullino nel gennaio del 2006 fu incaricato di organizzare il saggio tecnico proprio per il reparto Saf (Speleo alpino fluviale) di Brindisi, progettando il dispiegamento del grande tricolore in occasione dell'inaugurazione della nuova sede del comando provinciale, scenografia poi riproposta in occasione della Festa nazionale dei Vigili del Fuoco, e soprattutto in occasione della Festa della Repubblica il 2 giugno, di cui Zullino ha continuato a coordinare il dispiegamento della gigantesca bandiera nazionale sul Colosseo.

Nel corso della cerimonia di commiato svoltasi stamattina, l'ispettore antincendio Giancarlo Zullino ha ricevuto il ringraziamento formale per la propria attività da parte del comandante provinciale, ingegnere Antonio Panaro. Per Zullino, tuttavia, sarà impossibile attenuare i rapporti con i Vigili del Fuoco: suo figlio Pasquale presta servizio a Milano, i suoi nipoti Elio Zullino a Brindisi, Marco Ostuni come funzionario sempre a Brindisi, Gianluca e Alessio Ostuni anche a Brindisi e Roberta Zullino a Bologna. Più vigili del fuoco di così, non si può.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Frattura il naso e lo zigomo alla fidanzata, soccorsa da automobilista

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Chiuso sulla costa ristorante avviato senza autorizzazione comunale

  • Brindisi Multiservizi: ecco la graduatoria degli idonei all'assunzione

Torna su
BrindisiReport è in caricamento