Opinioni

Opinioni

Fobia sociale: anche Churchill e Cicerone ne soffrivano, la via d'uscita c'è

L’elemento centrale della persona colpita da questo timore è la paura di essere criticati dagli altri durante azioni o compiti di vario genere. In queste situazioni è probabile avere dei sintomi simili alla vergogna come leggeri tremori

“Quel giorno la professoressa di lettere mi ha chiesto di leggere in classe a voce alta un brano, davanti alla classe intera. Ho iniziato a leggere ma all’improvviso è come se non riuscivo più a respirare e mi sono bloccato, sentivo il battito accelerato, diventavo rosso, iniziavo a sudare e a sentirmi goffo. Da quel momento in poi ho iniziato ad avere timore delle situazioni in cui c’era la possibilità di leggere di fronte ad un pubblico per timore di ripetere la stessa figuraccia. Continuo la mia vita senza espormi troppo, evitando le situazioni “pericolose”.

La testimonianza appena riportata descrive bene la sensazione provata da un numero non esiguo di individui, che prende il nome di “Fobia sociale”.vQuesta condizione sembrerebbe interessare una percentuale di persone che oscilla tra il 3% e il 13% della popolazione, con un esordio che si ha nell’adolescenza e nella prima età adulta.

Durante la crescita, l’adolescente si trova in contatto con nuove situazioni sociali in cui la sua identità si arricchisce di connotati che entreranno a far parte del proprio bagaglio personale. L’esito di queste interazioni con l’ambiente ed il rapporto con gli altri, viene costantemente monitorato per valutare gli esiti e modificare la propria condotta per raggiungere l’obiettivo desiderato: l’accettazione da parte dell’altro.

Una leggera ansia in questi frangenti è normale, sia nell’adolescenza che nell’età adulta, ma tale stato, se amplificato, può diventare causa di fobia.

L’elemento centrale della persona colpita da questo timore è la paura di essere criticati dagli altri durante azioni o compiti di vario genere. In queste situazioni è probabile avere dei sintomi simili alla vergogna come leggeri tremori, difficoltà a deglu