Agguato a pullman di tifosi: chiusa la statale per Lecce, traffico deviato

Traffico bloccato sulla strada statale 613, sulla corsia in direzione Lecce all’altezza di Squinzano. Tre feriti, fra cui una persona estranea agli incidenti investita da un'auto in retromarcia

TORCHIAROLO – Traffico bloccato sulla strada statale 613, sulla corsia in direzione Lecce all’altezza di Squinzano: un pullman di tifosi del Pescara diretto allo stadio di via Del Mare di Lecce è stato bloccato e preso a sassate. La statale è stata chiusa e il traffico deviato all’altezza di Tochiarolo, fino alle 21,30. Sul posto polizia e carabinieri.

Si sono formati lunghi incolonnamenti, molti automobilisti sono scesi dalle auto: qualcuno ha riferito di aver visto gente con manganelli in  mano e di aver udito spari. Chi è riuscito a passare davanti al pullman ha visto i vetri del mezzo in frantumi. Due sostenitori ospiti sono rimasti feriti, ma non gravemente, mentre in ospedale è stata trasportata in codice rosso una terza persona, estranea agli incidenti, investita da un'auto in retromarcia. Oltre al pullman danneggiati anche altri mezzi della carovana, una vettura in fiamme. 

Pullman tifosi Pescara-2

I fatti si sono verificati intorno alle ore 20, circa un'ora prima del fischio di inizio della partita, valevole per la trentesima giornata del campionato di Serie B. La gara era molto sentita perché il Lecce, terzo in classifica con 49 punti, si giocava un posto in zona promozione, mentre il Pescara Calcio, quinto, inseguiva i giallorossi, staccato di tre punti. La tifoseria ospite è arrivata allo stadio durante l'intervallo. 

Dei disordini si erano verificati anche dopo la partita di andata disputata lo scorso novembre, quando alcuni tifosi leccesi furono aggrediti mentre facevano ritorno in Salento. 

La testimonianza

"Le mie bambine - racconta un testimone - piangevano di paura. Si sentiva gridare e sparare. Sulla nostra corsia, la Lecce-Brindisi, sono arrivate le forze dell ordine. Ci dicevano di rimanere chiusi in macchina e di non uscire. All'inizio non capivamo. Abbiamo solo visto fumo. Pensavamo ad un incidente. Nel metterci sui lati della carreggiata per dare spazio alle forze dell ordine, un automobilista che si trovava davanti a noi, facendo retromarcia, non si è accorto che un uomo ancora non era tornato a bordo della sua auto e l'ha preso". 

Articolo aggiornato alle 00.43 dell'1 aprile



 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Brindisi usa la nostra Partner App gratuita !

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento