Ancora cassonetti dati alle fiamme fra i rioni Commenda e Sant'Angelo

Sono almeno 10 i contenitori della ditta Ecologica Pugliese bruciati a partire dalle ore 23 di ieri. Inendi spenti dai vigili del fuoco

Foto di repertorio

BRINDISI – Nuova notte all’insegna dei cassonetti in fiamme al rione Commenda, dove per l’ennesima volta si sono riproposte delle scene già viste in tante (troppe) circostanze, negli ultimi anni. Sono almeno dieci i contenitori per la raccolta dei rifiuti dati alle fiamme, a partire dalle ore 23 di ieri (11 gennaio).

Gli incendiari sono entrati in azione fra via Sicilia e il rione Sant’Angelo. Fra le vie interessate figurano via Giulio Cesare, via Veneto e via Cesare Balbo. In tutti i casi sono intervenuti i vigili del fuoco del comando provinciale di Brindisi per domare le fiamme.

I cassonetti maggiormente presi di mira sono stati quelli per la raccolta della frazione umida, con il loro carico nauseabondo riversato sull’asfalto e sui marciapiedi. Le esalazioni tossiche sprigionate dalla combustione hanno sfiorato le abitazioni al pian terreno. Sono state decine le richieste di intervento che si sono riversate verso la sala operativa dei vigili del fuoco.

In occasione di episodi analoghi che la notte del 18 dicembre si verificarono tra viale Commenda e via Tor Pisana emerse che a causare gli incendi era stata cenere di forno o di camino sversata da privati cittadini e da esercenti, mentre era ancora incandescente. Stavolta è forte il sospetto che i teppisti ci abbiano messo lo zampino. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Conflitto a fuoco fra benzinaio e malvivente: esplosi almeno sei colpi

    • Cronaca

      Via del mare, dialogo tra Comune e Authority: possibile accordo sul cristallo

    • Cronaca

      Donna muore in ospedale dopo intervento chirurgico: presentata denuncia

    • Cronaca

      Falsi invalidi e ossigeno facile: sentenza d’appello per 19 imputati

    I più letti della settimana

    • Giovane padre di famiglia muore all'improvviso: autorizzato l'espianto degli organi

    • Malore per Al Bano: prime cure a Bari, poi il ricovero al "Fazzi" di Lecce

    • Nuova rapina in città: bandito armato di pistola irrompe nel supermercato

    • Le sbarre si abbassano all'improvviso: "Mi sono salvata per un pelo"

    • Agguato di mala nel Tarantino: un brindisino fra i presunti killer

    • Omicidi e armi, libero il pentito Bullone: chiede la riduzione della pena

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento