Accoltellamento Gennaro Cantore, arrestato il figlio Armando

Il commissariato di Ostuni e il pm riescono a superare i depistaggi iniziali dei congiunti. In carcere Armando cantore, 20 anni

OSTUNI – Gli inquirenti non hanno dubbi: l’autore dell’accoltellamento del 48enne Gennaro Cantore, gestore di un locale estivo di Costa Merlata, è il figlio della vittima, Armando di 20 anni. Il giovane è stato arrestato oggi su ordinanza di custodia cautelare in carcere per tentato omicidio aggravato, firmata dal gip del Tribunale di Brindisi su richiesta del magistrato inquirente della Procura. Il provvedimento è stato eseguito dai poliziotti del commissariato di Ostuni, che hanno indagato sulla vicenda che risale alla notte tra sabato 9 e domenica 10 febbraio scorsi.

Il ferimento di 8 mesi fa

Il movente dell’accoltellamento è stato individuato dagli investigatori nei profondi dissidi tra padre e figlio, dovuti al genere di vita condotta da Armando Cantore. Gennaro Cantore fu aggredito dal figlio dopo il rientro a casa, e colpito alla schiena e all’addome con una violenza tale, sottolinea la polizia, che provocò la fuoriuscita di visceri. L’uomo, che aveva raggiunto da solo il vicino ospedale, fu salvato grazie a un intervento chirurgico d’urgenza, ma non denunciò il figlio. I poliziotti del commissariato hanno dovuto ricostruire da soli i fatti.

Armando Cantore-2

Questo non trascurabile aspetto della storia viene infatti rilevato dagli stessi investigatori, che parlano di accertamenti condotti subito dopo i fatti “sia con l’acquisizione di numerose immagini di sistemi di videosorveglianza privati nonché tramite approfondimenti investigativi tecnici che, in una cornice di totale non collaborazione da parte della famiglia e di persone vicine alla stessa, consentivano agli investigatori di individuare  solidi elementi di prova a carico di Luca Cantore che si rese inizialmente irreperibile per poi andare in un bar a consumare alcune bevande con gli amici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma, sono state le verifiche della polizia e le intercettazioni a definire il quadro del tentativo di omicidio. Gennaro Cantore aveva dichiarato alla polizia di aver avuto un incidente domestico mentre affettava il pane, mentre la madre, gli zii materni e altre persone presenti al momento dell’accoltellamento si affrettavano a ripulire la scena del crimine a fare sparire il coltello ostacolando le indagini. Ma questi depistaggi e questi silenzi non hanno impedito alla fine di raccogliere indizi sufficienti a carico di Armando Cantore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento