Porto, sequestrati 6.100 chili di mortadella: “Nessuna tracciabilità”

Il carico era su un camion proveniente dalla Bulgaria, diretto in Campania: denuncia e obbligo di distruzione

dogane

BRINDISI – Sotto sequestro 6.100 chilogrammi di mortadella provenienti dalla Bulgaria e diretti in Campania: il carico era privo di tracciabilità, in violazione delle disposizioni di legge, e per questo ne è stata ordinata la distruzione immediata.

Il sequestro

La contestazione è stata mossa nei giorni scorsi dai funzionari dell’agenzia delle Dogane e dei Monopoli, in servizio presso il porto di Brindisi, in collaborazione con in militari della Guardia di Finanza. Il carico è stato trovato su un camion sbarcato nel porto di Brindisi. Il mezzo proveniva dalla Bulgaria ed era destinato a una società con sede in Campania, per la successiva distribuzione presso negozi di generi alimentari e pizzerie.

Il prodotto

Il prodotto, denominato “Salame cotto speziato-mortadella”, era privo di “qualsiasi indicazione sulla tracciabilità e sullo stato sanitario”, come invece stabilito dal legislatore  in materia di sicurezza alimentare.

Alla società destinataria del carico è stata contestata la violazione ed è stato, contestualmente, l’ordine di distruzione immediato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...