Condannato per atti persecutori dai domiciliari passa al carcere

Un 29enne deve scontare una condanna di un anno e quattro mesi di reclusione ha più volte violato le prescrizioni

SAN DONACI – A seguito delle ripetute violazioni, eseguita ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un 29enne di San Donaci ai domiciliari perché condannato alla pena di un anno e quattro mesi di reclusione per atti persecutori.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Il 13 agosto scorso è evaso dagli arresti domiciliari ed è stato sorpreso in possesso di uno spinello. In altre circostanze, ha contravvenuto alle prescrizioni connesse alla misura cautelare in espiazione, violando il divieto di comunicare con persone diverse da quelle conviventi. Recentemente era stato anche denunciato per il reato di diffamazione a mezzo stampa, in quanto ha pubblicato sul proprio profilo Facebook alcuni post diffamatori nei riguardi di una donna del luogo. La denuncia è scaturita dal fatto che il profilo social dell’utente è luogo virtuale e la pubblicazione di contenuti offensivi sulla bacheca Facebook costituisce una forma diffamatoria di comunicazione con più persone. Espletate le formalità di rito, il 29enne è stato trasferito nella Casa Circondariale di Brindisi a disposizione dell’Autorità Giudiziaria. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Assalto al blindato Cosmopol, gli arresti della banda

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Alle rapine con la mamma: colpi ai distributori, quattro arresti

  • Si accascia in spiaggia e muore, tragica domenica per un anziano francavillese

Torna su
BrindisiReport è in caricamento