Incendio di rifiuti speciali in azienda di recupero metalli: due denunce

Operaio e titolare della ditta sono stati denunciati per combustione illecita di rifiuti e gestione di rifiuti non autorizzata

FRANCAVILLA FONTANA - Intervento dei carabinieri forestali di Ceglie Messapica e dei colleghi del Nucleo operativo radiomobile di Francavilla Fontana, all’interno di una ditta di recupero metalli alla periferia della “Città degli Imperiali” dove alcuni operai stavano bruciando rifiuti speciali.

Il fumo che fuoriusciva dalle pertinenze della ditta ha richiamato l’attenzione dei militari che hanno sorpreso un dipendente mentre dava fuoco a residui (indotti) di parti di motori elettrici, insieme a legname di varia pezzatura.

Francavilla F Rottamatore 2-2-2

L’ operaio, C.M., 51enne, ed il titolare della ditta, A.L., di 84 anni, entrambi francavillesi, sono stati denunciati quali responsabili in concorso per combustione illecita di rifiuti e gestione di rifiuti non autorizzata.

I carabinieri forestali hanno inoltre provveduto a sottoporre a sequestro penale un’area del piazzale in cui, oltre ai cumuli di rifiuti in parte dati alle fiamme, era presente un motore di autocarro intriso di olio lubrificante, evidentemente non “bonificato”, e per la cui tipologia il centro di recupero non era autorizzato.

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

  • Lavastoviglie: consigli per averla sempre pulita e profumata

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Tre quintali di droga abbandonati in un uliveto: carico da 1,5 milioni

  • Ruba un'auto e ne fa un clone di quella identica di un amico

  • Inseguiti e arrestati subito dopo il furto di uno scooter

Torna su
BrindisiReport è in caricamento