In fiamme l'auto di un cameriere: è dolo, al vaglio le immagini delle telecamere

Danneggiata dalle fiamme una Fiat Grande Punto parcheggiata per le vie di San Michele Salentino. Sul posto vigili del fuoco e militari della compagnia di San Vito dei Normanni

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – E’ di sicura origine dolosa l’incendio che la scorsa notte (18-19 novembre) ha danneggiato la Fiat Grande Punto di un cameriere residente a San Michele Salentino. L’auto era parcheggiata in via Carducci, nei pressi dell’abitazione dell’intestatario. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo l’una.

Sul posto si sono recati i vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla Fontana, oltre ai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Una volta domate le fiamme, che si sono concentrate soprattutto sulla parte posteriore del veicolo, sono state trovate tracce di liquido infiammabile. Nelle prossime ore verranno acquisite le immagini riprese dalle telecamere della zona. Il movente del gesto è da accertare. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Inseguimento dopo furto di un camion: carabinieri speronati, recuperati i mezzi

    • Cronaca

      Omicidi Scu, anche in Appello chiesto l’ergastolo per tre brindisini

    • Cronaca

      I pakistani negano la violenza sessuale ma restano in carcere

    • Cronaca

      Riprendono i sequestri di ricci di mare: un sub sorpreso dalla Capitaneria

    I più letti della settimana

    • Dopo incidente consegna la droga ai soccorritori: erano finanzieri

    • Abusano di un giovane che aspetta il pullman e poi fuggono: trovati e arrestati

    • Cade da un'impalcatura mentre lavora: grave giovane operaio

    • Trovato sulla litoranea con una tonnellata di marijuana: scoperto e arrestato

    • Sparatoria dopo la lite in Tribunale: padre e figlio imputati per tentato omicidio

    • Inseguimento dopo furto di un camion: carabinieri speronati, recuperati i mezzi

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento