In fiamme l'auto di un cameriere: è dolo, al vaglio le immagini delle telecamere

Danneggiata dalle fiamme una Fiat Grande Punto parcheggiata per le vie di San Michele Salentino. Sul posto vigili del fuoco e militari della compagnia di San Vito dei Normanni

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – E’ di sicura origine dolosa l’incendio che la scorsa notte (18-19 novembre) ha danneggiato la Fiat Grande Punto di un cameriere residente a San Michele Salentino. L’auto era parcheggiata in via Carducci, nei pressi dell’abitazione dell’intestatario. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo l’una.

Sul posto si sono recati i vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla Fontana, oltre ai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Una volta domate le fiamme, che si sono concentrate soprattutto sulla parte posteriore del veicolo, sono state trovate tracce di liquido infiammabile. Nelle prossime ore verranno acquisite le immagini riprese dalle telecamere della zona. Il movente del gesto è da accertare. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      “Raccolta differenziata al 60 per cento per ridurre la Tari”

    • Politica

      “In Consiglio mozione di sfiducia alla sindaca”: Luperti raccoglie le firme

    • Cronaca

      L'Arma passa al setaccio il rione Perrino: arresti, perquisizioni e decine di multe

    • Cronaca

      A fuoco auto di commerciante già vittima di aggressione: si indaga

    I più letti della settimana

    • Tragedia del lavoro, muore operaio: aveva 24 anni

    • Studente colto da malore il classe: il professore gli salva la vita

    • Pizzaiolo di Brindisi nell’olimpo degli stellati: è stato assessore provinciale

    • Scu, arrestato latitante: trovato dai carabinieri in una casa di campagna

    • Estorsioni ai giostrai della festa patronale: Comune di Brindisi assente nel processo

    • Stefano Cucchi, inchiesta bis: omicidio preterintenzionale per il carabiniere brindisino

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento