In fiamme l'auto di un cameriere: è dolo, al vaglio le immagini delle telecamere

Danneggiata dalle fiamme una Fiat Grande Punto parcheggiata per le vie di San Michele Salentino. Sul posto vigili del fuoco e militari della compagnia di San Vito dei Normanni

Foto di repertorio

SAN MICHELE SALENTINO – E’ di sicura origine dolosa l’incendio che la scorsa notte (18-19 novembre) ha danneggiato la Fiat Grande Punto di un cameriere residente a San Michele Salentino. L’auto era parcheggiata in via Carducci, nei pressi dell’abitazione dell’intestatario. Le fiamme si sono sviluppate poco dopo l’una.

Sul posto si sono recati i vigili del fuoco del distaccamento di Francavilla Fontana, oltre ai carabinieri della compagnia di San Vito dei Normanni. Una volta domate le fiamme, che si sono concentrate soprattutto sulla parte posteriore del veicolo, sono state trovate tracce di liquido infiammabile. Nelle prossime ore verranno acquisite le immagini riprese dalle telecamere della zona. Il movente del gesto è da accertare. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Economia

      A Parigi firmato anche il futuro di Brindisi: fuori dal carbone entro il 2030

    • Cronaca

      "Sapori del Mediterraneo": location poco sicura, applicata la circolare Gabrielli

    • Cronaca

      Nuova intrusione all'ex Di Summa: furto di farmaci per 100mila euro

    • Eventi

      Cortei storici, sagre, feste e concerti nel week end: l'estate entra nel vivo

    I più letti della settimana

    • Ancora una tragedia della strada: brindisino muore alle porte di San Pietro

    • “Gli imputati non sono i nuovi volti della Sacra Corona Unita”

    • Incidente nella notte sulla rotatoria: motociclista in rianimazione

    • Auto fuori strada sulla litoranea, tre donne finiscono in ospedale

    • Incidente sulla rotatoria: motociclista muore dopo tre giorni di agonia

    • Giallo a bordo della Msc Musica: scompare una marittima, ricerche in corso

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento