La banda della Croma colpisce ancora

TORCHIAROLO – E la banda della Croma non si ferma. E non la fermano. Intorno alle 18,30 di oggi un altro colpo è stato messo a segno dai quattro banditi incappucciati e armati che da qualche giorno stanno collezionando rapine nel Brindisino, disseminando terrore tra le vittime. A essere presa di mira questa volta la stazione di servizio Tamoil di via Brindisi a Torchiarolo di Beniamino Pattini. I malviventi si sono portati via l’incasso della serata, circa 1500 euro.

Il distributore rapinato a Torchiarolo

TORCHIAROLO – E la banda della Croma non si ferma. E non la fermano. Intorno alle 18,30 di oggi un altro colpo è stato messo a segno dai quattro banditi incappucciati e armati che da qualche giorno stanno collezionando rapine nel Brindisino, disseminando terrore tra le vittime. A essere presa di mira questa volta la stazione di servizio Tamoil di via Brindisi a Torchiarolo di Beniamino Pattini. I malviventi si sono portati via l’incasso della serata, circa 1500 euro.

I quattro approfittando dell’assenza di clienti si sono avvicinati al gabbiotto presente nella stazione di servizio al cui interno c’erano il gestore, insieme al figlio e a un dipendente e dopo aver estratto una pistola si sono fatti consegnare tutto il denaro che i tre avevano addosso. Naturalmente uno dei quattro banditi è rimasto in auto con il motore acceso e pronto a schiacciare il piede sull’acceleratore non appena i suoi complici avessero fatto ritorno nell’abitacolo. Così è stato.

Le vittime, anche se prese dal panico, sono riuscite a vedere l’auto con cui il gruppo criminale si è allontanato. Una Fiat Croma, vecchio tipo, di colore grigio metallizzato. Sul posto si sono precipitati i carabinieri della locale stazione guidata dal maresciallo Giacomo Poma. La zona è stata raggiunta     da varie pattuglie ma della banda della Croma nessuna traccia.

La stazione di servizio Tamoil di via Brindisi non è dotata di sistema di videsorveglianza. Secondo gli investigatori si tratterebbe di malviventi del capoluogo, ed è per questo che già nella stessa serata di oggi sono state eseguite numerose perquisizioni a Brindisi a carico di soggetti noti alle forze dell’ordine, e controlli approfondito nelle campagne.

Sale a quattro il numero delle rapine messe a segno nel giro di tre giorni da banditi a bordo della Fiat Croma vecchio tipo. Due sono state messe a segno sabato scorso, una in una tabaccheria a Brindisi e l’altra in un supermercato a Cellino San Marco. La terza ieri ai danni della tabaccheria di via Provinciale San Vito di Laura Cristofaro.

In alcuni casi a minacciare le vittime sono stati in due, in altri in tre e l’arma non è sempre la stessa, questa sera si è trattato di una pistola ieri di un fucile. Ma il comune denominatore tra i quattro colpi è il mezzo utilizzato dai banditi: una Fiat Croma di vecchio modello. Che si tratti o meno della stessa banda poco importa, quello che è certo è che da qualche tempo i commercianti del Brindisino delle categorie più esposte (tabaccherie, ricevitorie,  supermercati e distributori) non dormono più sonni tranquilli. E si chiedono quando tornerà la pace.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Locali e attrezzature sporchi e ragnatele sulle pareti: chiuso panificio

  • Incidente al solito incrocio tra le provinciali: coinvolti due auto e un camion

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento