Cassonetto rifiuti spostato: lite, minacce, denuncia e malore finale

E' accaduto giovedì mattina in via Trieste, a San Donaci. L'uomo deferito per l'aggressione al vicino si è sentito male ed è finito in ospedale

SAN DONACI – Aggredisce verbalmente in strada e minaccia con un coltello il vicino di casa a causa della posizione di un cassonetto per la raccolta dei rifiuti, ne provoca la caduta rovinosa ma anche lui finisce in ambulanza perché ha accusato un malore. Da aggiungere che la stessa persona è stata poi denunciata dai carabinieri della stazione di San Donaci, cittadina dove si sono svolti i fatti, per lesioni personali, ingiurie, minacce, porto illegale di armi od oggetti atti ad offendere.

È accaduto giovedì mattina in via Trieste, attorno alle 8. La lite è esplosa perché era stata cambiata la posizione di un cassonetto della spazzatura. Il 59enne deferito poi a piede libero dai carabinieri, avrebbe insultato e minacciato con un coltello da cucina il vicino, il quale indietreggiando per allontanarsi dall’irato abitante della casa attigua ha perso l’equilibrio, procurandosi lesioni lievi, giudicate guaribili in 5 giorni e medicate sul posto dai paramedici del 118 intervenuti sul posto.

È andata peggio, invece, alla persona che aveva attuato le minacce, perché in seguito all’agitazione dovuta all’alterco ha accusato un malore, e il servizio 118 dopo i primi esami dei parametri vitali eseguiti sul luogo, ne ha deciso il trasferimento in ospedale a Brindisi, per le cure del caso. Il coltello è stato sequestrato.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camion si ribalta e sfonda spartitraffico: superstrada riaperta al traffico

  • Ultraleggero pilotato da brindisino si schianta su muretto

  • Tute, scooter e passamontagna: i "Falchi" scoprono il covo dei rapinatori

  • Tamponamento tra furgone e trattore sulla provinciale: feriti i conducenti

  • “Aste giudiziarie, prove evidenti”: processo immediato per nove brindisini

  • Lite in strada finisce con accoltellamento: un ferito e un arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento