Omega Bis: nuovo arresto per uno dei cinquanta indagati

Un ordine di ripristino della custodia cautelare in carcere è stato emesso a carico del 41enne Massimiliano Pagliara

Un ordine di ripristino della custodia cautelare in carcere è stato emesso a carico di una delle persone coinvolte, insieme ad altri 49 soggetti, nel blitz Omega Bis. Si tratta del 41enne Massimiliano Pagliara. L’uomo è stato raggiunto dal provvedimento restrittivo presso la casa circondariale di Lecce, dove era già ristretto per altre condanne. 

La misura è scaturita a seguito dell’accoglimento dell’appello proposto dal pubblico ministero della Procura della Repubblica di Lecce, avverso l’ordinanza del gup del tribunale di Lecce del 13 aprile 2018, con la quale aveva disposto la revoca della misura cautelare in carcere.
Il 20 settembre 2017, i carabinieri di Brindisi, nell’intera provincia di Brindisi e in quella della limitrofa Lecce, diedero esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal gip del Tribunale di Lecce su richiesta della locale Dda, nei confronti di 50 indagati ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione di tipo mafioso, concorso in omicidio, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, porto e detenzione illegali di arma da fuoco e spaccio di sostanze stupefacenti, tutti i reati commessi con l’aggravante del metodo mafioso.

L’indagine, condotta dal Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Brindisi, partì nel settembre 2012 a seguito dell’omicidio di Antonio Presta.
 

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

  • Minorenni in coma etilico: controlli e multe a locali sulla costa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento