homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Ordigno contro la casa di un vivaista

SAN DONACI - Un'esplosione causata in piena notte da un ordigno di medio potenziale ha investito l'uscio dell'abitazione della famiglia Carbone a San Donaci, in contrada Mariana. La famiglia è molto nota in città perché proprietaria di un'azienda vivaistica nella stessa contrada, Vivai Caputo S.S. Carbone Rocco e Fabio. Le indagini sono in mano ai carabinieri del Norm di Francavilla Fontana in sinergia con la stazione di San Donaci, per risalire agli autori del gesto criminoso.

Intervento dei carabinieri

SAN DONACI - Un'esplosione causata in piena notte da un ordigno di medio potenziale ha investito l'uscio dell'abitazione della famiglia Carbone a San Donaci, in contrada Mariana. La famiglia è molto nota in città perché proprietaria di un'azienda vivaistica nella stessa contrada, Vivai Caputo S.S. Carbone Rocco e Fabio. Le indagini sono in mano ai carabinieri del Norm di Francavilla Fontana in sinergia con la stazione di San Donaci, per risalire agli autori del gesto criminoso.

Erano le 2 circa e in casa tutti dormivano quando si è verificata la deflagrazione. Rocco Carbone, il capo famiglia, nonché titolare del vivaio, è subito uscito fuori dall'abitazione di contrada Mariana, per capire cosa fosse successo. La porta d'ingresso, in alluminio, era visibilmente danneggiata e si è accorto che a pochi metri vi erano i resti di una bomba-carta. Ha subito avvertito i carabinieri della stazione di San Donaci, che si sono prontamente portati sul posto.

L'ordigno, successivamente, accertato - così come fanno sapere i militari del Norm di Francavilla Fontana - era di origine artigianale. Un gesto mirato. Lo scoppio ha danneggiato anche due autovetture parcheggiate vicino l'ingresso dell'abitazione dei Carbone, a causa delle schegge. Le indagini condotte dal tenente Clemente Simone comandante del Norm, proseguono a largo raggio, senza tralasciare nessuna pista - ma non si esclude che il gesto sia collegato al fenomeno del racket che oramai sta imperversando in tutto il territorio provinciale.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Una spiaggia da cartolina interdetta dalla mancanza di interventi

    • Cronaca

      Da Brindisi a Venezia la barca "Dolphin" testimonial del Salento

    • Cronaca

      E la sindaca chiama in soccorso il commissario Castelli

    • Cronaca

      Staffetta Monteco-Ecologica, indagini anche sulle assunzioni

    I più letti della settimana

    • Scontro sulla circonvallazione, coinvolta una famiglia: gravi mamma e figlio

    • Rapina Ipercoop, uno degli indagati liberato e arrestato di nuovo

    • Omicidio Tedesco, condanna all’ergastolo per i tre imputati

    • “Mamma, comando io: voglio i soldi da tuo nipote, altrimenti lo denuncio”

    • Ventidue dosi di cocaina sul balcone di casa: arrestato un brindisino

    • Sbarre alzate e luce spenta durante il passaggio del treno: tragedia sfiorata

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento