Rilevatori, a Mesagne ricorsi respinti

MESAGNE – Lo ha comunicato questa mattina martedì 20 settembre, il sindaco di Mesagne, Franco Scoditti, attraverso una nota stampa, che sono stati respinti i ricorsi gerarchici per la graduatoria per 16 rilevatori, addetti al censimento generale della popolazione 2011. Il Comune di Mesagne ha sospeso l’efficacia della graduatoria approvata con la determinazione numero 466 del 12/09/2011 perché ha ricevuto un’istanza con la quale, nel rilevare l’errore materiale, si chiedeva l’emendamento dello stesso.

Il municipio di Mesagne

MESAGNELo ha comunicato questa mattina martedì 20 settembre, il sindaco di Mesagne, Franco Scoditti, attraverso una nota stampa, che sono stati respinti i ricorsi gerarchici per la graduatoria per 16 rilevatori, addetti al censimento generale della popolazione 2011. Il Comune di Mesagne ha sospeso l’efficacia della graduatoria approvata con la determinazione numero 466 del 12/09/2011 perché ha ricevuto un’istanza con la quale, nel rilevare l’errore materiale, si chiedeva l’emendamento dello stesso.

“Emendare errori materiali di trascrizione o di calcolo – scrive il sindaco - è un dovere e per questo la graduatoria è stata sospesa e, successivamente, modificata e corretta con la determinazione 469 del 13/09/2011. La celerità con cui si è provveduto è sintomo di efficienza dell’apparato burocratico”.

Nello specifico fanno sapere dall’Ufficio Urp di Mesagne, che il caso di un’aspirante che ha contestato l’esclusione dalla graduatoria non ha nulla a che vedere con la correzione della graduatoria stessa perché innanzitutto, “occorre sottolineare che i requisiti di partecipazione sono stati individuati in relazione alle linee fornite dall’Istat, dalle quali emerge che il titolo di studio richiesto per assumere l’incarico di rilevatore è il diploma, che deve essere valutato in maniera incisiva, graduandolo in proporzione al voto conseguito mentre gli ulteriori titoli di studio – come ad esempio la laurea – vanno valutati come titoli aggiuntivi e di supporto e quindi con un punteggio inferiore”.

“Nel caso specifico  - continua il comunicato di Scoditti - dei rilevatori censuari, il diploma deve avere un punteggio maggiore rispetto alla laurea ed anche su questo punto l’amministrazione è stata adempiente ed ineccepibile. Nel caso in questione risulta che la concorrente ha proposto all’ente, in data 14 settembre, un ricorso gerarchico che è stato respinto con la determinazione n. 475 del 19/09/2011. Tra i motivi posti alla base del rigetto emerge  - continua il sindaco nella nota - che il bando prevedeva sì l’attribuzione di punti 2 allo stato di disoccupazione (dichiarato e certificabile), ma il medesimo bando, nella sezione relativa alla presentazione della domanda, specificava espressamente che “La domanda di partecipazione, doveva essere redatta su carta semplice utilizzando l’apposito modulo allegato al presente bando”.

In tale modulo, infatti, venivano puntualmente precisate le modalità di compilazione e di sottoscrizione, in ossequio al rinvio operato dal bando medesimo, mediante l’espressa indicazione dei titoli e del relativo punteggio attribuibile. È evidente che le prescrizioni indicate nello schema di domanda, volte a precisare i titoli valutabili e il punteggio ad essi attribuito, sebbene inserite solo nel modello allegato, non costituiscono una difformità rispetto alle condizioni prescritte nel bando medesimo; anzi esse hanno una funzione integrativa delle disposizioni della lex specialis, trattandosi di un modello che ne costituisce parte integrante – conclude il Sindaco”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mentre, in merito alla vicenda della mancata valutazione – a causa di un disguido tecnico, fanno sempre sapere dall’ufficio Urp mesagnese – “di una domanda trasmessa a mezzo posta certificata, lo stesso ufficio, ha provveduto al recupero della stessa e alla conseguente valutazione ed è, ora, in corso di adozione, il provvedimento di integrazione della graduatoria che non subirà modifiche sostanziali né per le posizioni idonee per il conferimento dell’incarico, né per quelle immediatamente successive”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Tenta rapina in rivendita di pane, il titolare reagisce e lei fugge: denunciata

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento