Altri furti in attività commerciali: carabinieri a lavoro per individuare i ladri

Altre due attività commerciali nel mirino dei ladri di monetine. Nella notte tra domenica e ieri, lunedì 25 febbraio, sono state depredati altri due negozi

SAN PIETRO VERNOTICO – Altre due attività commerciali nel mirino dei ladri di monetine a San Pietro Vernotico. Dopo il furto con scasso nella macelleria di via Cellino perpetrato nella notte tra sabato e domenica scorsi, nella notte tra domenica e ieri, lunedì 25 febbraio, sono state depredati altri due negozi. Si tratta di un’altra macelleria e un negozio gestito da imprenditori cinesi. Entrambi siti in via Lecce. Questi tre furti si aggiungono ad altri compiuti nelle scorse settimane a danno altri commercianti e imprenditori. I malfattori (o il malfattore) entrano passando dalla porta principale, scassinandola, raggiungono la cassettina del registratore e arraffano i pochi spiccioli che trovano. Nella macelleria depredata tra sabato e domenica sono stati presi anche prodotti alimentari.

Gli altri episodi 

Su tutti i casi, parliamo di una decina di colpi nel giro di qualche mese, indagano i carabinieri della locale stazione coordinati dal maresciallo Vincenzo Maci. Al vaglio i fotogrammi di tutte le telecamere installate nelle zone interessate dai furti, sia pubbliche che private.

Le telecamere 

Va ricordato che San Pietro Vernotico è dotato di un impianto di videosorveglianza di ultima generazione, installato nel 2014 con fondi europei, che ha permesso di impiantare ben 43 occhi elettronici su tutto il territorio comunale. Purtroppo a causa di successive mancate manutenzioni e di danneggiamenti perpetrati da ditte che hanno eseguito scavi e lavori nelle zone interessate dai cavi, non tutti funzionano.

Ma l'amministrazione comunale, guidata dall’avvocato Pasquale Rizzo, insediatasi a giugno dello scorso anno, si è messa a lavoro sin da subito per tentare di rendere efficiente l’impianto. Alcune telecamere sono già state ripristinate e funzionano correttamente, per le altre ci sono tecnici a lavoro per la valutazione della spesa necesessaria per il ripristino completo dell'impianto. L'amministrazione fa sapere, inoltre, che è pronto il progetto per un bando che prevede l'ampliamento del sistema di videosorveglianza in modo da coprire le zone sprovviste di occhi elettronici. In un'epoca in cui le forze dell'ordine lavorano sotto organico e le emergenze riguardano più ambiti, le telecamere possono essere un valido aiuto per la gestione del territorio. 

Potrebbe interessarti

  • La banana, un fabbisogno giornaliero

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Furti nelle auto parcheggiate sulla costa: scoperti i responsabili

  • Posti in spiaggia "prenotati": la Capitaneria sequestra tutto

  • Minorenni in coma etilico: controlli e multe a locali sulla costa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento