Silletti in congedo: cambio di comando ai carabinieri forestali Puglia

L'autore del primo piano anti Xylella lascia la divisa per raggiunti limiti di età. Al suo posto il generale Mostacchi

BRINDISI – Dopo 41 anni di servizio, il generale di Divisione Nicola Silletti va in congedo per limiti di età. Al suo posto, al comando della Regione Carabinieri Puglia si insedierà il generale di Brigata Danilo Mostacchi, 58 anni, originario di Foggia.

La cerimonia del passaggio di consegne si svolgerà venerdì (27 aprile) presso il comando Legione carabinieri Puglia, a Bari, in presenza di Mostacchi, comandante forestale(1)-2uno schieramento di carabinieri forestali della Puglia e di una rappresentanza di carabinieri della Legione Puglia. Presenzierà a cambio di guardia il  generale di Corpo d’armata Antonio Ricciardi, comandante Unità forestali, ambientali e agroalimentari dell’Arma.

Nato a Santeramo in Colle (Bari) 65 anni fa, Silletti è entrato nelle fila del Corpo Forestale nel 1976. Nel 2015, con atto del capo del dipartimento Protezione civile, su incarico del Consiglio dei ministri, è stato nominato commissario delegato per fronteggiare l’emergenza Xylella. E’ stato lui l’autore del primo piano di contrasto al batterio che tuttora imperversa nelle provincia di Brindisi e Lecce, fino a lambire la fascia sud della provincia di Bari. 

Potrebbe interessarti

  • Librerie fai da te: alcune idee

  • Conservazione dei cibi: sai quali sono quelli da tenere fuori dal frigo?

  • Yogurt: dalla Mesopotamia di 3000 anni fa

  • Open space: il frigorifero intelligente per la vostra casa

I più letti della settimana

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • L'ammiraglio difende la Marina: "In Libia ci siamo. Il problema: i trafficanti"

  • Sulla pista dei furti di trattori: arrestato un allevatore

  • Omicidio Maldarella, fermati anche il padre e la madre dell'arrestato

  • “Mettiti sul letto sennò ti ammazzo”: arrestato per violenza sessuale e rapina

Torna su
BrindisiReport è in caricamento