Concessione Grimaldi, M5s: "Rinviare il Comitato portuale"

Secondo il Movimento 5 stelle, i tempi non sono ancora maturi affinché il Comitato portuale, convocato per le ore 15,30 di domani (14 luglio), si esprima sulla richiesta di concessione ventennale della rampe traghetti

BRINDISI – Secondo il Movimento 5 stelle, i tempi non sono ancora maturi affinché il Comitato portuale, convocato per le ore 15,30 di domani (14 luglio), si esprima sulla richiesta di concessione ventennale della rampe traghetti del porto di Brindisi avanzata da Grimaldi. Il deputato pentastellato Diego De Lorenzis, Capogruppo del M5S della IX Commissione “Trasporti, Poste e Telecomunicazioni” della Camera, chiede dunque un ulteriore rinvio della decisione.

Lo fa attraverso una nota stampa in cui si parla di “inaccettabile accelerazione contraria agli interessi del Porto brindisino che potrebbe subire gravi danni per la violazione della normativa nazionale e comunitaria a tutela della concorrenza e del mercato oltre che in spregio delle regole minime sulla trasparenza e sull’evidenza pubblica che decisioni di questa rilevanza impongono”, in riferimento alla convocazione del comitato fissata per domani. 

I portavoce del Movimento “pretendono un atto concreto dell’Autorità portuale, del Comune e di ogni ente interessato”. 
“Con una lettera, inviata anche al Comune, all’Autorità garante della concorrenza e all’Autorità anticorruzione” - precisano i portavoce - “abbiamo formalmente esortato l’Autorità portuale di Brindisi, prima di assumere ogni decisione, a chiedere un parere all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato competente a valutare se la concessione al gruppo Grimaldi crei un monopolio di fatto, violando i principi della concorrenza, dato che la società concessionaria avrebbe a disposizione tutte le banchine operative del Porto, pretendendo anche l’esonero dal pagamento dei diritti portuali”.

In attesa che sia richiesto e reso il parere, i portavoce rinnovano ancora una volta la richiesta di rinvio della decisione in seno al Comitato portuale attesa la doverosa prevalenza degli interessi della funzionalità e dell’efficienza del Porto rispetto a quelli di un singolo privato che persegue esclusivamente i propri interessi economici.

“Autorità portuale, Comune, Regione smettano di affidarsi a meri escamotages regolamentari e si impegnino ad agire nel rispetto delle regole e a garantire la legittimità delle loro decisioni” - concludono i portavoce - “e si chieda subito il parere all’Autorità garante della concorrenza!”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Attentato a Brindisi: bomba devasta l'ingresso di un bar in viale Commenda

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Lite in un locale: un uomo ferito al collo con un bicchiere rotto

  • Inseguimento si conclude con arresto, denunce e ritrovamento di auto rubata

Torna su
BrindisiReport è in caricamento