"Cmc sta smontando i macchinari. Partito un Tir per la Polonia"

Denuncia della Fiom Cgil che sollecita l'intervento delle istituzioni e della Regione

La sede della Cmc a Carovigno

CAROVIGNO – “Colpo di mano della Cmc”, denuncia oggi la Fiom Cgil di Brindisi, segnalando la partenza per la Polonia di buon mattino di un Tir con una delle due linee di montaggio dell’azienda metalmeccanica di Carovigno che opera nel settore delle costruzioni aeronautiche.

A questo punto, si rischia di andare a “babbo morto” all’eventuale tavolo di trattativa richiesto alla task force regionale per l’occupazione. “Una grave, preoccupante, azione unilaterale della direzione Cmc – dichiara il segretario territoriale della Fiom, Angelo Leo -.  Siamo di fronte al più classico esempio di delocalizzazione”

Secondo Leo, “la Cmc pare abbia acquisito una azienda in Polonia, naturalmente con il beneplacito della Leonardo. Non solo, ma la direzione della Cmc è intervenuta nei confronti della Regione Puglia e della Task force per esprimere la sua contrarietà all'insediamento di un tavolo regionale di crisi. Come Cgil e Fiom siamo determinati a sostenere l'insediamento del tavolo regionale”.

La Fiom ricorda che sono in ballo 50 posti di lavoro, “con 50 famiglie che rischiano di aggiungersi ad altre migliaia di lavoratori brindisini buttati in mezzo la strada. Le istituzioni sono obbligate ad intervenire, siamo sull' orlo di un fallimento sociale senza precedenti. Le aziende non possono giocarsi la pelle dei lavoratori con le istituzioni che assistono impotenti a questo sterminio di massa”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento