Fondi alle imprese, la Provincia sceglie ancora la mediazione dei consulenti del lavoro

BRINDISI - Dopo l'esaurimento-lampo dei fondi del progetto Evolvo 2 (bando pubblicato venerdì, soldi finiti lunedì mattina), la Provincia si prepara ad una nuova assegnazione superveloce con il progetto Welfare to Work, che attribuisce sino a 14mila euro per l'assunzione di personale e sino a 4.500 per la formazi0ne in azienda. La notizia la diffonde in anteprima non l'amministrazione provinciale, ma l'Ordine dei consulenti del lavoro, che proprio oggi terrà un convegno su Welfare to Work assieme all'assessore provinciale Enzo Ecclesie.

Enzo Ecclesie

BRINDISI - Dopo l'esaurimento-lampo dei fondi del progetto Evolvo 2 (bando pubblicato venerdì, soldi finiti lunedì mattina), la Provincia si prepara ad una nuova assegnazione superveloce con il progetto Welfare to Work, che attribuisce sino a 14mila euro per l'assunzione di personale e sino a 4.500 per la formazi0ne in azienda. La notizia la diffonde in anteprima non l'amministrazione provinciale, ma l'Ordine dei consulenti del lavoro, che proprio oggi terrà un convegno su Welfare to Work assieme all'assessore provinciale Enzo Ecclesie.

Il comunicato sottolinea che "il nuovo bando rappresenta la prosecuzione dell’importante azione avviata dal settore Mercato del Lavoro della Provincia e dall’assessore al ramo, Enzo Ecclesie, che si è sviluppata nei mesi di ottobre e dicembre scorso, con gli avvisi per i progetti POR 2007-2013 attraverso i quali sono stati finanziati centinaia di nuove assunzioni e di inserimenti aziendali (tirocini formativi) e che hanno registrato l’utilizzo di tutte le risorse economiche messe a disposizione", e che un  "ulteriore recente sforzo verso la messa a disposizione di incentivi alle imprese per nuovi inserimenti, è stato quello elaborato dall’amministrazione provinciale ed attuato dai consulenti del lavoro della provincia, denominato progetto Evolvo 2, attraverso il quale l’assessorato al lavoro ha recuperato nuove risorse (170.000 euro) da destinare alle imprese, che ha avuto un grossissimo successo fra gli operatori economici, considerato il veloce esaurimento dei fondi nell’arco di tre giorni".

Di tale metodo di lavoro, che di fatto individua nei consulenti il punto di riferimento per l'erogazione dei finanziamenti, BrindisiReport ha parlato nei giorni scorsi dando la notizia della velocità con cui tutte le disponibilità per Evolvo 2 sono state impegnate. Dato non rilevato dal sito istituzionale dell'ente, ma citato dal comunicato dell'Ordine dei consulenti del lavoro di cui diamo conto in questo articolo. Non si conosce l'opinione in proposito delle principali organizzazioni di categoria, come Cna, Confartigianato e del settore piccola industria della stessa Confindustria.

Resta il fatto che le imprese che non utilizzano i consulenti, o quelle che il consulente non avverte, rischiano di essere costantemente tagliate fuori, per un semplice ritardo nell'accesso all'informazione sui progetti o addirittura per mancata informazione. Se sia più giusto ed efficiente il metodo Ecclesie, piuttosto che il ricorso al rapporto diretto con le organizzazioni di categoria, dovrebbero però valutarlo proprio queste ultime, proponendo eventualmente diversi percorsi, o la partecipazione insieme di imprese e consulenti alle presentazioni delle iniziative di sostegno. Oppure bisogna prendere atto, attraverso il silenzio-assenso, che il tradizionale rapporto ente erogatore-organizzazioni di categoria non funzionava e che va benissimo la regola della corsa del primo giorno: chi arriva prima pianta il paletto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Una domenica con la bomba: quasi tutta Brindisi evacuata

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Incidenti: le vittime e le strade più pericolose del Brindisino

  • Forti raffiche di vento: alberi sradicati, interventi in provincia

  • Nuova allerta arancione per lo scirocco nella giornata di mercoledì

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

Torna su
BrindisiReport è in caricamento