Anche Enea di Brindisi nel progetto per ridurre i costi della stampa 3D

Enea di Brindisi partecipa al progetto Siadd, finanziato con 8 milioni di euro del Programma operativo nazionale (Pon)

BRINDISI – Anche l’Enea di Brindisi partecipa al progetto Siadd (Soluzioni Innovative per la qualità e la sostenibilità dei processi di ADDitive manufacturing), finanziato con 8 milioni di euro del Programma operativo nazionale (Pon) “Ricerca e Innovazione 2014-2020”, che ha come obiettivo la riduzione di difetti peso e costi di produzione della stampa 3D di materiali metallici per applicazioni aerospaziali.

L’Enea di Brindisi partecipa nel ruolo di socio del Distretto tecnologico aerospaziale (Dta). Spetteranno all’Enea l’individuazione dei difetti generati dai processi di manifattura additiva di metalli, compositi e multi-materiale metallo/composito con l’obiettivo di migliorare le proprietà meccaniche dei componenti, ridurre tempi e dei costi di produzione e identificare in‐situ difetti e condizioni instabili di processo, utilizzando anche tecniche avanzate di monitoraggio e caratterizzazione dei materiali.

I ricercatori del Centro ricerche Enea di Brindisi saranno impegnati anche nella realizzazione di nuovi materiali compositi termoplastici da utilizzare in alcuni processi innovativi di “additive manufacturing”.

“Il settore delle tecnologie additive, che permettono la realizzazione di oggetti tridimensionali per mezzo di stampanti 3D, presenta ancora molti campi da esplorare”, precisa Antonella Rizzo, ricercatrice del Centro ricerche Enea di Brindisi, nonché responsabile scientifico del progetto. “L’alta specializzazione delle professionalità presenti nel nostro Centro e il potenziamento delle tecnologie e della strumentazione ci hanno permesso di cogliere le richieste dell’industria aerospaziale, in sinergia con gli enti di ricerca e le università, per accelerare programmi di sviluppo innovativi e creare nuovi posti di lavoro” conclude Rizzo.

Oltre all’Enea, partecipano al progetto Cnr, le università del Salento e “Kore” di Enna, i politecnici di Bari e di Milano e le aziende AvioAero, Enginsoft, Umbra Group, Novotech, Hb Thecnology, Elfim e Ingenia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Sport

    Happy Casa Brindisi, controlli antidoping sino a notte fonda prima della partita

  • Cronaca

    Aree demaniali diventate discariche abusive: sequestri e denunce

  • Cronaca

    Due incendi in poche ore: danni ad auto di disoccupato e di pensionato

  • Cronaca

    Truffa e firma falsa per incassare 16mila euro: condannato avvocato civilista

I più letti della settimana

  • Terremoto al largo della costa tra Ostuni e Brindisi

  • Incidente stradale sulla Ostuni-Ceglie: famiglia in ospedale

  • Venditore ambulante aggredito dal branco: una donna lo difende

  • Rapinatori armati in azione nell'ufficio postale: impiegato colto da malore

  • Calciatore del Futsal sferra pugno all'arbitro: arrivano polizia e carabinieri

  • Rapina al Grande Albergo Internazionale: portiere imbavagliato da due banditi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento